Ubriaco, investe uno scooter con a bordo due persone e poi, per liberare l’auto e scappare, fa retromarcia schiacciando uno dei corpi a terra. Così un 47enne piacentino lungo la via Emilia a Pontenure (Piacenza) ha causato la morte di Pinuccio Zambianchi di 64 anni e ha ferito in modo serio la moglie, Lucia Aprici di 63 che si trovava con lui a bordo del mezzo.

Il pirata della strada è stato bloccato dai carabinieri pochi chilometri più avanti, a Montale, alle porte della città. Non ce l’ha fatta il conducente dello scooter, travolto intorno alle 20.30 da un’auto, una Fiat Punto bianca, alla rotonda che collega Montale a Pontenure. L’uomo stava viaggiando insieme alla moglie in direzione Parma, quando la coppia è stata investita in pieno dalla vettura che si è immessa nella rotonda a tutta velocità e contromano.

Zambianchi, nonostante l’intervento del 118 con due ambulanze e un’automedica e il trasporto d’urgenza al Pronto Soccorso, è morto poco dopo. Secondo la ricostruzione di alcuni testimoni, l’autista, invece di preoccuparsi delle condizioni dei feriti e di chiamare i soccorsi, ha cercato di scappare dal luogo dell’incidente.

Sono stati gli stessi testimoni a chiamare i carabinieri, che si sono messi sulle tracce dell’auto, intercettandola dopo pochi minuti. Una pattuglia di militari ha bloccato la vettura “pirata”, riconoscibile per il muso completamente distrutto. A bordo il 47enne, visibilmente agitato, non solo per quanto aveva compiuto in precedenza ma anche per l’abuso di sostanze alcoliche, confermato poi dal test dell’etilometro. Il conducente è stato così portato in caserma e trattenuto: la sua posizione è al vaglio degli inquirenti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, il sindaco di Bondeno: “Aliquote Tasi e Imu al massimo per chi li ospita”

next
Articolo Successivo

Yoox, dipendenti di Mr Job attaccano i Cobas: “Nostre condizioni di lavoro? Normali”

next