“Il cavallo è un animale splendido, non renderlo simile alla bestia: mettigli le mutande!”. Non si tratta di una provocazione ma di una decisione presa dall’amministrazione di Palazzo Pignano, paese in provincia di Cremona, governato dalla Lega Nord. Il sindaco Rosolino Bertoni e l’assessore pizzaiolo Virgilio Uberti, delegato all’Ambiente, non scherzano: chi gira con il suo quadrupede sporcando le strade del paese rischia una sanzione da 50 a 500 euro. Un provvedimento reso pubblico anche attraverso una serie di cartelli affissi a Palazzo Pignano, dove si cita anche il regolamento comunale.

cavalli1

“Nelle città questo sistema delle mutande funziona. Abbiamo una ciclabile – spiega il primo cittadino – che viene usata da chi ha il cavallo e non vogliamo che venga sporcata. Non è una provocazione quello che abbiamo scritto: vogliamo assolutamente evitare le deiezioni equine. I regolamenti vanno rispettati, serve tenere un certo decoro urbano. L’idea delle mutande è del mio assessore; io l’ho condivisa: si tratta di dispositivi di tela-carta che si indossano all’animale, una sorta di pannolino per il cavallo in modo che le feci non finiscano a terra”.

Il sindaco è pronto a dare mandato alla polizia locale di vigilare su cavalli e cavalieri. D’ora in poi per gli appassionati delle passeggiate al trotto sarà più difficile passare per Palazzo Pignano a meno che non si arrivi muniti delle mutande per l’animale e le si indossino al cavallo al momento giusto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festa del Fatto a Roma (con intercettazioni). Dopo il bavaglio, cambiamo piazza

next
Articolo Successivo

Milano, il Comune obbliga i cittadini a usare il fax? Deve esserci un errore

next