Il Giappone riaccende il nucleare. Sarà riavviata martedì mattina l’unità n.1 della centrale di Sendai. La compagnia di distribuzione energetica nipponica Kyushu Electric Power ha annunciato che domani mattina alle 10.30 (le 3.30 italiane) il reattore tornerà in funzione, con l’ipotesi di raggiungere il punto di criticità alle 23.00. Oggi, a quanto riferito dalla Kyushu Electric Power sono state effettuate tutte le verifiche in programma, a cominciare dalle barre di combustibile.

Secondo le stime fornite dalla compagnia il reattore comincerà a generare energia elettrica già dal prossimo venerdì e ai primi di settembre, secondo le aspettative, ad entrare nel circuito commerciale. Dopo il disatro di Fukushima erano stati fermati gli oltre 40 reattori presenti in tutto il territorio nipponico, al netto di quelli prossimi allo smaltimento.

Lo scorso anno, l’impianto di Sendai fu il primo a soddisfare i criteri di sicurezza introdotti nel 2013 dopo la crisi seguita al disastro nucleare, che il governo definisce i “più severi al mondo”. “Il riavvio delle centrali nucleari confermate come sicure è importante nella nostra politica energetica”, ha aggiunto il portavoce del governo, Yoshihide Suga, facendo eco alla posizione del premier Shinzo Abe che vede l’uso dell’atomo come uno dei pilastri della politica energetica nazionale.

La notizia è stata accolta da proteste attorno alla centrale di Sendai da parte degli attivisti antinucleare e da una manifestazione vicino alla sede del governo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ikea, in Svezia tre accoltellati in negozio: due i morti. Arrestato sospetto omicida

prev
Articolo Successivo

Attentati Turchia, analista: “La strategia di Erdogan è demonizzare il Pkk per riconquistare la maggioranza assoluta”

next