A Bruxelles esiste un registro per la trasparenza dove sono iscritte tutte quelle multinazionali, aziende, associazioni di categoria e Ong che fanno “lobby” nei confronti delle istituzioni Ue, ovvero che incontrano i legislatori europei per rappresentare gli interessi della propria realtà imprenditoriale, sociale o civile. Ogni lobby scrive nel registro nome, ragione civile, personale e spesa annuale per la propria attività. Il problema è che l’iscrizione al registro delle lobby resta volontaria, come volontarie sono le informazioni che vengono riportate e sulle quali non esiste nessun controllo. Alcune associazioni che lavorano per una maggior trasparenza del funzionamento dell’Unione europea chiedono da tempo l’obbligatorietà di tale iscrizione e controlli. A parole il Parlamento e la Commissione europea si dicono favorevoli a questa obbligatorietà, ma a quanto pare mancano le basi legali per imporre questa scelta alle aziende private. Secondo le associazioni sentite, la questione è tutta politica anche a causa del mancato accordo dei governi nazionali. Secondo le stime di Corporate Europe, a Bruxelles ci sono circa 1500 lobby e 30mila lobbisti professionisti impegnati nel cercare di influenzare il percorso legislativo europeo. Tra le lobby più potenti c’è quella bancaria, particolarmente interessata alla normativa finanziaria Ue. L’attività di lobby si basa su incontri personali con i legislatori e funzionari europei ma, secondo le associazioni, non mancano inviti a cocktail o viaggi tutti spesati  di Alessio Pisanò

 

Una precedente versione del video conteneva un erroneo riferimento a Standard & Poor’s del quale ci scusiamo con l’azienda e con i lettori.
Aggiornamento di Redazione web del 7 agosto 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Enti Locali, la Camera approva il decreto legge con i tagli miliardari alla Sanità

prev
Articolo Successivo

Rai: in pole c’è Antonio Campo Dall’Orto, il manager del flop a La7

next