Un parlamentare del Movimento 5 Stelle e uno di Forza Italia abbandoneranno la Commissione di Vigilanza Rai. La richiesta di rinunciare ad un posto in Vigilanza è arrivata da Pietro Grasso e Laura Boldrini. I presidenti di Senato e Camera hanno infatti inviato ai capigruppo di Fi e M5S una lettera per chiedere il passo indietro di un componente, dopo la richiesta di riequilibrio avanzata da Alleanza popolare, a seguito dei vari cambi di casacca in Parlamento. Anche il gruppo dei Conservatori e Riformisti, che fa capo a Raffaele Fitto, dovrà entrare in commissione.

La richiesta di Grasso e Boldrini arriva alla vigilia della seduta nella quale verranno designati i componenti di indicazione parlamentare per l’elezione del cda della Rai. Se i due gruppi non avessero fornito il nome del componente da ritirare, il presidente del Senato avrebbe agito d’ufficio.

Il Movimento 5 Stelle, che con Roberto Fico presiede la commissione, indicherà entro stasera il nome del proprio parlamentare da sostituire: darà uno tra Gianni Girotto e Lello Ciampolillo. Forza Italia ha invece comunicato che a farsi da parte sarà Paolo Romani, capogruppo azzurro al Senato.

Il passo indietro di Romani è motivato dal fatto che a dover avere una rappresentanza in commissione sono i senatori che appartengono ai nuovi gruppi formatisi negli ultimi mesi a Palazzo Madama. Infatti al posto del capogruppo forzista subentrerà il senatore Mario Ferrara del gruppo di Gal. Questo perché l’originario componente di Gal in Vigilanza, e cioè Antonio Scavone è ora un senatore del gruppo di Ala, la pattuglia di Denis Verdini.

Domani alle ore 14, la commissione parlamentare di Vigilanza è chiamata ad eleggere 7 membri del cda della Rai: due posti spettano alle opposizioni, e un nome potrebbe essere fatto anche dal Movimento 5 Stelle. Poi giovedì dovrà dare il via libera al candidato presidente indicato dal ministero dell’Economia, per il quale è richiesta la maggioranza dei due terzi.  In queste ore continuano le riunioni dei partiti di maggioranza e opposizione per arrivare ad un nome unitario per la presidenza. Più semplice l’individuazione del direttore generale, incarico per il quale sembra avvantaggiato Antonio Campo Dall’Orto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, scontro tra renziani e minoranza: dopo le polemiche siamo agli sfottò in rete

next
Articolo Successivo

Tortura, unioni civili, ius soli &c. Le leggi promesse dai governi e mai approvate

next