Tania Cagnotto ha conquistato la medaglia di bronzo nella finale trampolino 3 metri femminile ai Mondiali di tuffi di Kazan, in Russia. L’azzurra, alla nona medaglia mondiale, ha chiuso a 356.15 punti alle spalle di due atlete cinesi. L’oro va a Shi Tingmao, 383.55 punti, seguita dalla connazionale He Zi, 377.45. “Questo è sicuramente il mio più bel mondiale”, ha detto l’atleta italiana che pochi giorni fa aveva vinto l’oro nel trampolino da 1 metro. “Ho fatto una bella gara, ho pensato solo a fare un bel punteggio invece di pensare alla medaglia che mi ha un po’ regalato, in questi giorni si vede che ho una stella che mi protegge”.  Il 2 agosto Cagnotto avrà l’ultima gara, quella del sincro misto. “Ho ancora un po’ di energia e spero di fare ancora una bella gara, mi divertirò perché sarà l’ultima, la prenderò serenamente”.

Cagnotto precede l’australiana Qin Esther, quarta (347,20), e le canadesi Pamela Ware (332,40) e Jennifer Abel (331,50). Una medaglia conquistata all’ultimo salto, quello del sorpasso, con il doppio e mezzo rovesciato carpiato da 78 punti rispetto ai 40,50 di Abel fino a quel momento saldamente al terzo posto e a un certo punto della finale perfino tra le cinesi.

La gara è stata regolare, con Cagnotto al quarto posto nei primi tre round. Poi la sbavatura in entrata nel triplo e mezzo chiuso con 66.65. Li ne ha approfittato l’australiana Qin che ha effettuato il sorpasso, mentre il podio della Abel, canadese colored di origine haitiana ritornata sul podio mondiale da 3 metri come a Shanghai 2011, era lontano ormai dodici punti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roddy Piper morto, addio a un’altra leggenda del wrestling. Ecco gli altri lottatori scomparsi prematuramente (Foto)

next
Articolo Successivo

Chiara Pierobon, morta a 22 anni la promessa italiana del ciclismo femminile

next