Lodevole iniziativa dell’esclusivo circolo romano “Antico tiro a volo” nel quartiere Parioli: i cittadini e gli associati di uno dei più antichi club d’elite della capitale lamentano la sporcizia e il degrado della zona, così il circolo propone la manifestazione “Roma bella, Roma pulita”, una giornata di pulizia delle strade da parte di tutti. L’iniziativa viene pubblicizzata con pagine sul Corriere della Sera e sul Messaggero, tutti si dichiarano entusiasti, ma la risposta da parte degli abitanti dell’area e degli stessi associati è piuttosto debole. Così a darsi davvero da fare sono i dipendenti dell’ “Antico tiro a volo”, lasciando le proprie attività quotidiane per impugnare scope e rastrelli. Nemmeno il presidente del circolo è sceso in strada: “Io ho organizzato tutto – spiega – poi sono dovuto rimanere qui (all’interno della struttura del club, ndr) a fare qualcosa, sennò mi chiudevano tutto”. “Se il socio non partecipa ufficialmente, lo fa pagando le nostre giornate – afferma un dipendente -. Cinque, sei associati ci hanno dato una mano, noi speravamo nelle nostre forze e basta. Poi questa è la prima iniziativa, la prossima la pubblicizzeremo ancora meglio e avremo l’appoggio del quartiere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Latina Ambiente nel caos, tra dimissioni e commissari la società rischia il fallimento

prev
Articolo Successivo

Snoop Dogg fermato a Lamezia Terme per riciclaggio: voleva imbarcare sul jet privato 420mila dollari in contanti

next