Che il debito pubblico italiano, rispetto al Pil, sia il secondo dell’Unione europea dopo quello della Grecia, non è una novità. Ma i dati diffusi dall’Eurostat mercoledì mostrano che nel primo trimestre di quest’anno il rapporto è salito di ben tre punti percentuali, dal 132,1 al 125,1% del prodotto interno lordo: il maggiore aumento dopo quello registrato dal Belgio, che ha visto il debito/pil salire di 4,5 punti. Atene nel corso dei tre mesi ha registrato invece una riduzione dell’8,3%, al 168,8% del Pil.

debito pil nuovoDall’ultimo bollettino di Bankitalia risulta che a maggio, quindi due mesi dopo il periodo preso in considerazione dall’ufficio statistico dell’Unione, il debito ha sforato i 2.200 miliardi di euro e dall’inizio del 2015 è cresciuto di 83,3 miliardi. Un picco che si spiega in parte con il fatto che il Tesoro nella prima metà dell’anno ha “messo fieno in cascina” portando le proprie disponibilità liquide a quasi 101 miliardi di euro dai 46,3 del dicembre 2014.

Al terzo posto dopo Italia e Grecia c’è il Portogallo, a quota 129,6 per cento, mentre i debiti più bassi sono quelli di Estonia (10,5%) e Lussemburgo (21,6%). Nel complesso, il rapporto fra debito e Pil dei Paesi dell’area euro è salito al 92,9%, con un incremento di 0,9 punti rispetto al quarto trimestre del 2014, mentre nell’Unione europea è passato dall’86,9 all’88,2%.

Opportuno ricordare che dal prossimo anno scatta per l’Italia l’obbligo di rispettare la regola del debito prevista dal Fiscal compact, che prevede la riduzione di un ventesimo l’anno della parte di “zavorra” che eccede il limite del 60% del Pil. Il governo Renzi, secondo quanto emerso negli ultimi giorni, intende però chiedere un’interpretazione flessibile della norma per guadagnare spazio di manovra e poter tagliare le tasse come promesso dal premier. La decisione spetta a Bruxelles: è la Commissione Ue a stabilire se aprire nei confronti di un Paese una procedura per debito eccessivo.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Farmaci, Aifa: “Nel 2014 cresce spesa farmaceutica. Acquisti a 26,6 miliardi”

next
Articolo Successivo

Lobby del tabacco e rapporti con Renzi, M5S: “Premier riferisca in Parlamento”

next