Frequentava le scuole superiori a Padova e da casa, finite le ore di lezione, preparava il suo viaggio verso la Siria. Perché l’obiettivo era quello di arruolarsi nelle file dell’Isis. I carabinieri del Ros della città veneta stanno indagando sull’allontanamento da casa di una ragazza di 19 anni di origine marocchina che potrebbe avere lasciato l’Italia per entrare nell’autoproclamato Stato Islamico.

Secondo quanto riporta il Mattino di Padova la giovane, che frequenta un istituto superiore, avrebbe preparato il viaggio con mesi di anticipo effettuando collegamenti skype e navigando in rete su forum specializzati. Per arruolare i foreign fighter, combattenti stranieri, l’Isis ha avviato sul web decine di siti specializzati nella comunicazione e nell’indottrinamento. Gli investigatori non tralasciano alcuna traccia per ricostruire i movimenti della ragazza che apparentemente trascorreva una vita normale con un classico giro di amici e compagni di scuola.

Ed è proprio attraverso la rete e Skype in particolare che anche Maria Giulia Sergio, italiana di Inzago convertita all’Islam e diventata jihadista, comunicava con i genitori e la sorella, per convincerli a raggiungerla in Siria. I suoi famigliari, insieme ad alcuni parenti del marito albanese – partito insieme a lei – sono stati arrestati il 1 luglio: a tutti viene contestato l’articolo 270 bis, associazione a delinquere finalizzata al terrorismo, articolo di legge che fu introdotto dopo l’11 settembre in Usa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ismaele Lulli, fermati 2 giovani per omicidio 17enne. ‘Delitto da videogame’

next
Articolo Successivo

Stupro Fortezza da Basso, tutti assolti. Ragazza: “Giudicata io, non violenza”

next