Il fondatore di Grooveshark è stato trovato morto nella sua casa di Gainesville, in Florida. Josh Greenberg, 28 anni, aveva creato nel 2006 con il musicista Sam Tarantino, il sito di musica in streaming, quando era matricola all’università della Florida.

La polizia della cittadina universitaria della Florida ha comunicato ufficialmente su Twitter, che al momento non vi sono “prove che si sia trattato di suicidio o di un delitto”. La madre del giovane nelle dichiarazioni rilasciate al Gainesville Sun ha allontanato l’ipotesi del suicidio: secondo la donna suo figlio non aveva problemi di salute e non era depresso. “Era entusiasta delle potenzialità delle nuove cose che stava per avviare”, ha chiarito. Anche l’autopsia, da quanto emerso, non avrebbe specificato le cause della morte. Si attendono i risultati degli esami tossicologici per aggiungere elementi utili a risolvere il caso.

Grooveshark, il sito di Greenberg, consentiva la condivisione e l’ascolto di brani musicali. Era stato chiuso lo scorso aprile, dopo un’azione legale avviata da diverse case discografiche. Secondo i giudici la compagnia – che nel momento di massima espansione serviva 40 milioni di utenti in tutto il mondo ed aveva 145 dipendenti – avrebbe dovuto risarcire per volontaria violazione del copyright le case discografiche per centinaia di milioni di dollari. L’accordo sulla chiusura definitiva del sito avvenne senza la richiesta dei danni e i fondatori pubblicarono una nota in cui si scusavano: “Nonostante le nostre migliori intenzioni, noi abbiamo fatto degli errori molto gravi, non siamo riusciti ad ottenere le autorizzazioni da chi aveva i diritti di gran parte della musica offerta. Questo è sbagliato e noi ci scusiamo senza alcuna riserva”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis colpisce, Egitto reprime. Al Cairo il terrorismo cambia strategia

next
Articolo Successivo

Libia, “su italiani rapiti c’è sospetto di rappresaglia di trafficanti di esseri umani”

next