Fioretto a squadre d’oro per l’Italia ai mondiali di Mosca. Dopo la vittoria delle azzurre, anche Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Giorgio Avola e Daniele Garozzo hanno superato in finale la Russia per 45-38. La squadra maschile aveva prima battuto in semifinale la Francia 45 a 25, mentre i padroni di casa si erano misurati con la Cina, vincendo 45-37. Gli azzurri sono così tornati sul tetto del Mondo a squadra dopo l’ultimo successo a Budapest nel 2013.

Dopo la vittoria nella sciabola a squadre maschile di Montano, Occhiuzzi e Curatoli, a raggiungere il primo posto in palio, in questa doppia sfida di categoria Italia-Russia, è stato il fioretto a squadre femminile. Il ‘dream Team’, come è stato chiamato, delle azzurre e composto da Arianna Errigo, Elisa Di Francisca, Valentina Vezzali e Martina Batini ha superato in finale la Russia imponendosi per 45-36. Una prova di forza resa ancor più importante perché le avversarie erano le padrone di casa. Prima della finale le ragazze guidate dalla sei volte campionessa olimpica Valentina Vezzali – non schierata in questa finale – avevano battuto per 45-13 la Spagna nell’assalto del turno dei 16, il Giappone (45-25) e l’Ungheria con il netto punteggio di 45-18.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calcio: St. Pauli, la tifoseria proletaria che ha rivoluzionato il calcio

prev
Articolo Successivo

Tour de France 2015, tappa a Greipel. Tiene banco la rabbia del banchiere Tinkoff

next