Fioretto a squadre d’oro per l’Italia ai mondiali di Mosca. Dopo la vittoria delle azzurre, anche Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Giorgio Avola e Daniele Garozzo hanno superato in finale la Russia per 45-38. La squadra maschile aveva prima battuto in semifinale la Francia 45 a 25, mentre i padroni di casa si erano misurati con la Cina, vincendo 45-37. Gli azzurri sono così tornati sul tetto del Mondo a squadra dopo l’ultimo successo a Budapest nel 2013.

Dopo la vittoria nella sciabola a squadre maschile di Montano, Occhiuzzi e Curatoli, a raggiungere il primo posto in palio, in questa doppia sfida di categoria Italia-Russia, è stato il fioretto a squadre femminile. Il ‘dream Team’, come è stato chiamato, delle azzurre e composto da Arianna Errigo, Elisa Di Francisca, Valentina Vezzali e Martina Batini ha superato in finale la Russia imponendosi per 45-36. Una prova di forza resa ancor più importante perché le avversarie erano le padrone di casa. Prima della finale le ragazze guidate dalla sei volte campionessa olimpica Valentina Vezzali – non schierata in questa finale – avevano battuto per 45-13 la Spagna nell’assalto del turno dei 16, il Giappone (45-25) e l’Ungheria con il netto punteggio di 45-18.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio: St. Pauli, la tifoseria proletaria che ha rivoluzionato il calcio

next
Articolo Successivo

Tour de France 2015, tappa a Greipel. Tiene banco la rabbia del banchiere Tinkoff

next