Balli a bordo piscina, con doveroso brindisi per festeggiare l’inizio dell’“estate 2015” e musica di sottofondo. Molti però “non possiamo inquadrarli, c’abbiamo il top secret”, dicono i commensali intorno al tavolo. Eccoli i video pubblicati da un amico di Daniele Pulcini che potrebbero inguaiare l’imprenditore romano finito ai domiciliari durante la seconda retata della Procura di Roma Mafia Capitale. Daniele Pulcini non è indagato per mafia, ma per turbativa d’asta.

Di lui scrive il gip Flavia Costantini: “Chiude con Buzzi (Salvatore, ritenuto dai pm braccio sinistro dell’ex Nar Massimo Carminati, ndr) accordi in ordine al subaffidamento di servizi in cambio di una non partecipazione e che concorre nel rafforzare il proposito criminale di costui”. Così dal 4 giungo scorso, Daniele Pulcini si trova ai domiciliari in una villa in un quartiere romano in mezzo al verde: la casa è enorme, con tanto di piscina e giardino. 

E qui che sarebbero avvenute le cene e i balli a bordo vasca, secondo i video che Selvaggia Lucarelli è riuscita a salvare (l’amico di Daniele Pulcini infatti li ha eliminati dal web) e a pubblicare il 18 luglio sul suo profilo Facebook. Commenta la Lucarelli: “Daniele Pulcini, i suoi domiciliari li fa così, a casa sua con Antonella Mosetti e amici a bordo piscina che poi pubblicano i video su fb chiamandolo ‘l’uomo nero’”.

In poche ore, i commenti e le condivisioni si sprecano. I video sono due, non ci sono date. Anche se nel primo, radunati i commensali intorno a un tavolo, si brinda all’inizio dell’estate 2015. Daniele Pulcini non si vede. Qualcuno dice più volte che non bisogna riprendere una persona denominata l’uomo nero.

Ancora. Nel secondo video invece ci si esibisce a bordo piscina. La showgirl Antonella Mosetti in vestitino nero e tacchi alti balla al suon di una musica caraibica. Abbiamo chiesto chiarimenti alla difesa di Daniele Pulcini, gli avvocati Tito Milella e Luigi Giuliano, che si dicono molto sorpresi. La circostanza così viene smentita.

Poi ci spiegano che il loro assistito in effetti sta scontando i domiciliari in via della Nocetta, a Roma, ma non nella parte della villa con la piscina dove invece vive il padre di Daniele. Piuttosto in quella accanto dove sta il fratello. Inoltre, non avrebbe limiti: può andare a trovarlo chi vuole, l’importante è che lo ospiti nella parte della casa che gli è stata assegnata. Se l’imprenditore abbia o meno violato o meno i domiciliari adesso toccherà stabilirlo alla magistratura capitolina.

Già l’anno scorso aveva violato il divieto di avvicinarsi alla ex moglie con la quale da tempo va avanti una querelle combattuta a suon di denunce. L’ex tronista Claudia Montanari ha denunciato l’imprenditore con l’accusa di averla picchiata. Lui ha risposto con una querela per stalking. Poi il 7 ottobre 2014 è stato condannato a un anno e quattro mesi di reclusione per lesioni, ingiurie e minacce nei confronti della donna.

Ma per Daniele Pulcini non è finita. Ha avuto guai giudiziari per una vicenda legata all’affidamento di un appalto per la realizzazione di un parcheggio a piazzale Clodio e nell’ambito dell’inchiesta su Marco Di Stefano, deputato Pd. Dulcis in fundo, l’inchiesta mafia capitale. Insomma, un’altra proprio non ci vorrebbe.

da il Fatto Quotidiano di domenica 19 luglio 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Daniele Pulcini, festa ai domiciliari tra vino e belle ragazze. I video su Facebook

prev
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, Gdf sequestra beni per 7,5 milioni agli eredi di Arcangelo Spagnoli

next