Come recita un vecchio adagio, in medicina prevenire è meglio che curare. Anche contro l’Alzheimer. Ne è convinto un team di ricercatori della Washington University a St. Louis, che ha scoperto che le variazioni di alcuni biomarcatori permettono di prevedere lo sviluppo della malattia molti anni prima che si manifestino i primi sintomi di demenza senile.

Lo studio, pubblicato su “Jama Neurology”, ha tra i suoi obiettivi l’identificazione di potenziali strategie per la diagnosi precoce dell’Alzheimer, una delle più diffuse patologie neurodegenerative, che colpisce nel mondo più di 25 milioni di persone, soprattutto anziani sopra i 65 anni di età, in prevalenza donne. Una cifra destinata a triplicare entro il 2030 toccando i 76 milioni di casi, secondo le previsioni dell’Alzheimer’s disease international (Adi).

I ricercatori americani hanno misurato per dieci anni nel liquido cerebrospinale di 169 individui, di età compresa tra 45 e 65 anni, i livelli di alcuni marcatori clinici tipici dell’Alzheimer, malattia le cui origini sono in parte genetiche, in parte ambientali. A partire dalla proteina “beta amiloide 42”, il principale componente delle placche che si formano nel cervello dei pazienti con Alzheimer, per proseguire con la proteina “tau” e “YKL-40”, quest’ultima considerata un marcatore per l’infiammazione delle cellule cerebrali. Gli studiosi hanno così scoperto che se, in particolare, i livelli di proteina beta amiloide 42 erano bassi, aumentava nei pazienti la probabilità di ammalarsi di Alzheimer.

L’analisi dei livelli cerebrali dei biomarcatori è stata accompagnata anche dalla tradizionale Pet, tomografia a emissione di positroni, per individuare l’eventuale presenza di placche amiloidi associate alla malattia. E, soprattutto, dall’esame di alcuni geni, come “Apo-E”, responsabile della produzione di una proteina coinvolta nel trasporto del colesterolo. Alcune varianti di questo gene, infatti, sono note in letteratura medica per essere strettamente legate a un aumento della probabilità di sviluppare forme di demenza.

“Lo sviluppo dell’Alzheimer è un processo a lungo termine – spiega Anne Fagan, che coordina il team Usa -. È ancora troppo presto per potere usare questi marcatori a scopo diagnostico su singoli pazienti. Ma è proprio questo – conclude la studiosa – il nostro obiettivo: riuscire un giorno a effettuare trattamenti terapeutici sui malati molti anni prima che si manifestino i sintomi della demenza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dinosauri, in Cina scoperto “cugino” alato del Velociraptor

next
Articolo Successivo

Aids, in 18enne primo caso di regressione virus. “Evento unico al mondo”

next