I dinosauri avevano ali come gli uccelli. Il ritrovamento in Cina di resti fossili risalenti a 125 milioni di anni fa, rimette in discussione quanto sostenuto finora dai paleontologi di tutto il mondo. La scoperta è stata fatta dai ricercatori dell’università di Edimburgo e i ricercatori dell’Accademia cinese di scienze geologiche che hanno pubblicato i loro studi sulla rivista Scientific Reports.

Appartenente alla famiglia dei dromeosauridi, piccoli carnivori piumati molto diffusi nel Cretaceo, il nuovo animale preistorico è stato battezzato Zhenyuanlong suni. Lungo dai 126 ai 165 centimetri ha una struttura alare alquanto complessa, con un piumaggio a più strati simile agli uccelli contemporanei. Secondo gli studiosi, le ali venivano utilizzate non per il volo ma per proteggere la prole o per avvicinare l’eventuale partner. Considerato come uno dei cugini più stretti del Velociraptor, le cui dimensioni erano simili a quelle di un cane di taglia media, lo Zhenyuanlong suni era molto più grande dei suoi cugini. “È probabile che nei film ‘Jurassic Park’ l’animale sia stato ricostruito in maniera sbagliata”, commenta Steve Brusatte, dell’Università di Edimburgo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caldo, arriva Caronte. Il meteorologo “Anomalo, temperature aumenteranno”

prev
Articolo Successivo

Alzheimer, la scoperta dell’università Usa: ‘Diagnosi precoce da studio biomarcatori’

next