E’ morto a Milano Manlio Minale, ex Procuratore generale ed ex Procuratore della Repubblica del capoluogo lombardo. Il magistrato, malato da tempo e che avrebbe compiuto 75 anni il mese prossimo, ha indossato la toga nel 1965 ed è andato in pensione lo scorso maggio lasciando la guida della Procura generale con tre mesi di anticipo. Qualche giorno prima di andare in pensione, Minale aveva inviato ai suoi colleghi un’affettuosa lettera di congedo nella quale, tra l’altro, accennava ai motivi di salute tra le cause del ritiro anzitempo.

Noto per competenza e rigore, in quasi mezzo secolo trascorso con la toga addosso, Minale ha incrociato casi giudiziari storici. Ha presieduto il processo per l’omicidio del commissario Luigi Calabresi al termine del quale, nel maggio del ’90, e dopo cinque giorni di camera di consiglio, Adriano Sofri, Giorgio Pietrostefani e Ovidio Bompressi furono condannati a 22 anni di carcere e il pentito Leonardo Marino a 11 anni. Successivamente, dal 1992 al 1999, ha diretto l’allora neonata Direzione distrettuale antimafia di Milano negli anni pionieristici in cui furono assestati i primi colpi alle cosche, in particolare quelle della ‘ndrangheta, trapiantate in Lombardia, con maxi-inchieste come “Wall Street”, “Nord-Sud”, “Belgio”, “Count Down”, “Autoparco”, coordinate da magistrati di punta tra i quali Armando Spataro, Alberto Nobili, Maurizio Romanelli, in sostanza il primo vero “pool” antimafia milanese.

Nato a Tripoli nel 1940, Minale ha cominciato la sua carriera a Verona, poi è stato pretore a Santa Maria Capua Vetere e infine pm a Napoli. Nel 1980 è arrivato a Milano dove ha ricoperto funzioni sia giudicanti che requirenti. L’esordio sulla scena milanese come giudice in Appello, poi presidente di una sezione del Tribunale. Chiusa l’esperienza in Dda, è stato presidente del Tribunale di Sorveglianza fino al 2003, quando è stato nominato Procuratore della Repubblica di Milano, incarico che ha ricoperto fino al 2010 quando è diventato Procuratore generale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gioacchino Genchi, il Cga ordina il reintegro in polizia del perito informatico

prev
Articolo Successivo

Ilva, lavoravano all’altoforno sequestrato: 19 operai denunciati per violazione sigilli

next