Honda S660 2015

La prima uscita pubblica del nuovo Ceo di Honda Motor Takahiro Hachigo sembra cogliere nel segno: il numero 1 della casa giapponese ha riportato il focus su tecnologia e sviluppo, mettendo in secondo piano le vendite. Quelle arriveranno di conseguenza. Se avete voglia e tempo, lo speech del discorso lo trovate qui.

Era ora. Per quelli della mia generazione, le Honda erano un benchmark in termini d’innovazione: la Accord era un autentico concentrato di tecnologia che i tedeschi all’epoca si sognavano. E provavano a rincorrere. Tutta colpa delle manie di grandezze dei suoi predecessori, che si erano prefissati di raddoppiare le vendite Honda dal 2012 al 2017 arrivando a sognare quota di 6 milioni di unità. Senza, almeno all’apparenza, contare sull’Europa dove il marchio giapponese vende ormai solo poco più di 10 mila vetture al mese.

Una corsa ai volumi senza successo, almeno vedere i 4,4 milioni di veicoli venduti alla fine dello scorso anno fiscale. E che ha fatto perdere l’attenzione su innovazione e qualità. Non è un caso che Honda sia una delle industrie automobilistiche più colpite dal caso degli airbag difettosi della Takata, con richiami di 20 milioni di vetture della casa giapponese.

Ora Hachigo giura che l’industria giapponese riprenderà a “realize products that provide our customers with inspiring innovations and joys using unprecedented technologies”. E più divertenti da guidare. La mini roadster sportiva S660, venduta solo in Giappone, ne è un esempio. Honda tornerà a fare l’Honda. Non si può che esser felici.

@carblogger_it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

VisLab, l’eccellenza parmigiana va alla Silicon Valley

prev
Articolo Successivo

Volkswagen, il parcheggio del futuro (e non solo)

next