La trattativa è anche uno stato di necessità per le nostre classi dirigenti che, invece, di fare la guerra alla criminalità organizzata per vincerla ti dicono “ma che se matto? Quelli ricominciano a sparare”. E poco importa che noi abbiamo 350mila uomini in armi che potrebbe sconfiggere camorra, ‘ndrangherta e mafia che insieme hanno massimo 40mila uomini. E così ancora oggi il sistema italiano di combattere la criminalità organizzata è solo quello di mettersi d’accordo”. Queste le parole del direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio, intervenuto a Napoli alla proiezione del film-documentario “La trattativa” di Sabina Guzzanti. Tra gli ospiti anche il pm del processo sulla trattativa Stato-mafia Nino Di Matteo, accolto da un lungo applauso. “La magistratura – ha detto – deve accertare la verità anche e soprattutto su fatti che solo apparentemente sono lontani, ma che continuano ad avere i loro effetti ancora oggi”. “La trattativa continua ancora oggi?”, si chiede invece il sindaco di Napoli Luigi de Magistris il quale sottolinea anche i troppi segreti legati ancora alle stragi. “L’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano – spiega il sindaco – è uno di quelli che, avviando l’iter per la distruzione delle sue intercettazioni telefoniche, ha oggettivamente e soggettivamente ostacolato il processo sulla trattativa”  di Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pene e sentenze, le colpe dei politici ricadono sui giudici

prev
Articolo Successivo

Concordia, i giudici: “L’inchino voluto da Schettino fu una scelta criminale”

next