Era seduto a terra, appoggiato alla vetrina di una banca a Salonicco e in lacrime per non essere riuscito a ritirare la pensione della moglie, mentre a pochi metri decine di connazionali erano in fila per il prelievo razionato ai bancomat. L’immagine di Giorgos Chatzifotiadis, pensionato greco 77enne, è circolata sui media di tutto il mondo ed è diventata il simbolo della crisi di Atene, che con la vittoria del no al referendum ha deciso di respingere il pacchetto di misure proposto dall’Europa.

Un’immagine che è rimbalzata anche su migliaia di account sui social media ed è arrivata anche a Sydney, in Australia, dove James Koufos, finanziere di origine greca di 41 anni, ha riconosciuto Chatzifotiadis. E al Daily Mail Australia, a seguito di un appello per rintracciarlo pubblicato su Facebook, ha raccontato che l’uomo era un amico e compagno di scuola del padre.

post australiano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La madre di Koufos, che vive a Salonicco, ha confermato che l’anziano, disperato per non essere riuscito a ritirare la pensione della moglie, era proprio Chatzifotiadis, amico del marito defunto. “Ho detto subito alla mamma: che possiamo fare?”, racconta Koufos. In breve, attraverso un appello sul social media (sopra), l’uomo d’affari australiano ha raccolto 4-5mila euro, e progetta di sbarcare sabato a Salonicco per aiutare l’anziano, facendo ricorso anche a parte della sua eredità.

“Esorto tutti i miei amici di Facebook ad aiutarmi a rintracciare quest’uomo … per favore è urgente!”, aveva scritto online, precisando: “Quest’uomo è un vecchio compagno di scuola di mio padre! Pagherò la pensione di quest’uomo per un anno e più! Finché sarà necessario!”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

In carcere esiste il rischio concreto che il fondamentalismo faccia proseliti

prev
Articolo Successivo

Lost in translation: due parole inglesi che mancano nel vocabolario italiano

next