E’ stato ricoverato all’ospedale Meyer di Firenze per denutrizione. Non ha ancora compiuto un anno, ma ha avuto un malore ed è stato dichiarato in prognosi riservata. Poi le sue condizioni sono migliorate, ma per lo stato della sua salute risultano indagate due persone: i genitori. Il sospetto degli investigatori è che i due abbiano imposto al bimbo una dieta alimentare sbagliata, in quanto risultano vegani ed evitano quindi di mangiare animali e derivati, come latte, latticini, uova e miele.

Il bambino è stato ricoverato per la prima volta a Pontedera, la cittadina in provincia di Pisa dove vive la famiglia, il 27 giugno. I medici hanno riscontrato una grave carenza di vitamine nell’organismo del piccolo, per questo hanno deciso di trasferirlo al Meyer. I sanitari della struttura di Pontedera si sono però insospettiti e hanno allertato la procura di Pisa che ha aperto un’inchiesta. L’accusa nei confronti dei genitori è di maltrattamenti in famiglia. Gli investigatori della sezione specializzata contro i reati sui minori della squadra mobile dovranno accertare se il bambino si sia sentito male proprio per via della dieta vegana e se sia mai stato seguito da un pediatra e, in caso affermativo, se il medico non si sia accorto di eventuali condotte anomale dei genitori.

Sulla vicenda è intervenuta l’associazione vegani italiani Progetto vivere vegan onlus, che ha invitato a non trarre conclusioni affrettate: “I bambini, figli di vegani e non, necessitano più di tutti di nutrienti fondamentali per lo sviluppo – hanno detto – Se i genitori non hanno prestato attenzione al regime alimentare del proprio figlio, non è perché sono vegani, ma semplicemente perché sono stati forse colpevolmente superficiali. Ma preferiamo non entrare in merito a questo caso specifico, perché ancora non sono chiari i dettagli ed è quindi inutile e sbagliato tirare conclusioni affrettate”. Per la Lav invece, il caso “non può essere utilizzato per denigrare una scelta alimentare come quella vegana che, se correttamente praticata, ha solo benefici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefania Pezzopane e Gianni Chiodi ricattati con false foto e video hard

next
Articolo Successivo

Bari, ossa umane trovate durante i lavori al teatro Piccinni

next