Le tragedie ci sembrano immani solo se ci toccano da vicino: solo se vediamo arrivare i barconi pieni di profughi che scappano dalla fame e dalle guerre; solo se i telegiornali mandano in onda immagini di catastrofi naturali che provocano migliaia di vittime; solo se un caso di cronaca accende la luce sul degrado più inammissibile. Così mi sembra molto importante ricordare chi da sempre (e tutto l’anno) lotta contro miseria e discriminazioni. Come Oxfam (www.oxfamitalia.org) nata nel 1942 in Gran Bretagna, tra le più importanti Confederazioni Internazionali nel mondo, specializzata in aiuti umanitari e progetti di sviluppo volti a individuare soluzioni concrete e permanenti alla povertà (il miglior canale per un possibile riscatto? Lo sviluppo rurale).

Oltre a lavorare direttamente nei paesi in via di sviluppo per influenzare le politiche economiche e sociali di governi e istituzioni; oltre a intervenire nelle emergenze umanitarie (come è accaduto di recente in Nepal); oltre a proporre stili di vita responsabili, che tutelino i più vulnerabili; Oxfam ha avuto il grande merito di porre la questione sull’empowerment femminile (ricordando anche il ruolo delle donne come “nutrici” del pianeta, in perfetta sinergia con i progetti di “Women for Expo”). Perché milioni di donne, nei paesi in via di sviluppo, sono costrette a ingaggiare una battaglia quotidiana per sfamare i propri figli, lottando contro la fatica, le intemperie e soprattutto contro le discriminazioni. Perché se in questi luoghi le donne avessero gli stessi diritti e le stesse opportunità degli uomini (accedere al microcredito, per esempio), si arriverebbero a sfamare 150 milioni di persone in più sulla terra.

La recente campagna italiana #SFIDOLAFAME si è posta l’obbiettivo di aiutare le donne nelle comunità rurali di Haiti, Ecuador e Sudan con semi, attrezzature, assistenza e formazione. Insomma con tutto il necessario per assicurare più cibo, più reddito e la possibilità di un’esistenza dignitosa. A chi punta il dito contro le organizzazioni umanitarie che pagano stipendi e formano manager più che volontari, vorrei ricordare che, quando i problemi sono di enorme portata, è anche necessaria una dose di imprenditorialità (per finire il piatto a base di buona volontà). Naturalmente partendo dal presupposto che chi ingaggia una battaglia contro la povertà deve essere inattaccabile, perché anche il minimo spreco diventerebbe intollerabile.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi-landia, lo specchio di un’Italia sempre più falsata

next
Articolo Successivo

“Ho lasciato la multinazionale e i benefit per un bed and breakfast. E ora ho la vita che sognavo”

next