I sindacalisti dovrebbero preoccuparsi più dei disoccupati di domani che di quelli di oggi. Eppure l’unico che in Italia sembra avere qualcosa da dire sulle profonde trasformazioni dell’economia è il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco. Mentre la Cgil, la Cisl e la Uil si perdono in faide interne e continue richieste di tavoli con il governo, Visco segnala problemi più profondi che l’arrivo del Jobs Act. Il 13 giugno, alle giornate del Lavoro della Cgil, ha ricordato: tra il 1995 e il 2007 l’aumento delle importazioni cinesi ha cancellato 120 mila posti di lavoro nel settore manifatturiero italiano; la flessibilità contrattuale introdotta negli anni Novanta (soprattutto dal centrosinistra) “ha ridotto il costo complessivo del lavoro e ha aumentato la convenienza a impiegare lavoro nei processi produttivi”, la disoccupazione è scesa dall’11,3 per cento nel 1998 al 6,1 del 2007. Ma le imprese italiane hanno smesso di investire in tecnologia, accontentandosi di sopravvivere grazie a dipendenti più economici anche se poco produttivi.

Anche ieri Visco ha ricordato che la situazione del nostro Paese non è nella media, ma molto sotto: “Il problema è che siamo fermi. Solo alla fine di quest’anno l’Europa tornerà ai livelli produttivi del 2008, ma l’Italia è ancora lontana e serviranno diversi anni per recuperare quel livello”. E tutto questo mentre ci sono sconvolgimenti mondiali di cui in Italia sembra essersi accorto solo Visco: Internet delle cose, robotica, sviluppo dei cloud, genomica, stanza 3D. Una rivoluzione industriale è in corso ovunque (tranne che da noi), combinata a un “ristagno secolare”, cioè a uno squilibrio profondo dei tassi di risparmio e degli investimenti che la politica monetaria non riesce a correggere.

Sopravvivere è difficile, farlo aspettando passivamente che le cose migliorino come sta facendo l’Italia e il suo governo è un suicidio. Ma nessuno sembra ascoltare i moniti di Visco.

Il Fatto Quotidiano, 26 giugno 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Licenziamento discriminatorio per ex dipendente Uil, “ma nessun risarcimento”

prev
Articolo Successivo

Jobs act, ‘su politiche attive poca sostanza. Cancellato contratto ricollocazione’

next