Cina, Salone di Shanghai 2015

di Carblogger

In altri casi sarebbe normale, se a farlo però è il gruppo Volkswagen, è una notizia. I tedeschi rallentano ancora: a maggio le vendite globali hanno raggiunto le 858 mila unità, il 2,6% in meno rispetto allo stesso mese del 2014. E’ il secondo mese consecutivo che il gruppo di Wolfsburg mostra un segno meno: ad aprile, dopo 4 anni e mezzo consecutivi di crescita, si era già registrato un -1,3%.

Il calo è da imputare in particolare al marchio Volkswagen che vale circa il 60% delle vendite complessive e che a maggio ha perso il 5,9%. In negativo anche i veicoli industriali di Man e Scania, i loro volumi ridotti però non influiscono in modo determinante sul risultato finale. Per i tedeschi, la colpa sarebbe riconducibile al rallentamento del mercato russo e sudamericano e della “nuova normalità” in Cina.

A questo punto si prospetta quello che avevamo già scrittoil 2015, per il gruppo Volkswagen, sarà un anno di transizione. Tanto che gli stessi tedeschi, alla presentazione dei risultati finanziari relativi al 2014, non avevano indicato alcun obiettivo per l’anno in corso.

Cautela che, secondo quanto ha scritto la Reuters, potrebbe non salvare il posto al giovane responsabile delle vendite del gruppo Christian Klingler, pupillo del destituito Ferdinand Piech, ex numero uno e padre-padrone assoluto Volkswagen. Tanto più se, secondo il quotidiano economico tedesco Handelsblatt, il gruppo tedesco potrebbe essere diviso a breve in 4 holding, una con Volkswagen (a capo), Seat e Skoda, una con Audi (a capo), Lamborghini e Ducati, una del lusso con Porsche (a capo), Bugatti e Bentley e l’ultima sui veicoli commerciali e industriali con VW Commercial, Scania e Man. A quel punto, con le 4 holding, il ruolo di Klingler forse cesserà di avere senso. Ma sarà sufficiente?

@carblogger_it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Audi contro Google (e le altre), niente cookie in auto

prev
Articolo Successivo

Vernasca Silver Flag, da Castell’Arquato la rievocazione per auto d’epoca

next