“Le legge sugli Ecoreati è una sconfitta per tutti”. Paola De Pin, senatrice fuoriscita dal Movimento 5 Stelle passa ai Verdi e come prima cosa attacca uno dei provvedimenti sostenuto dai grillini (tra i firmatari del ddl il M5S Salvatore Micilio). “E’ stata la molla”, ha detto in conferenza stampa, “che ha fatto scattare la mia decisione. Siamo stati solo tre senatori a votare contro, io, Bartolomeo Pepe e Francesco Molinari, e non è stato facile. Renzi l’ha fatta passare come una vittoria invece è una sconfitta per tutti noi. Introduce cinque Ecoreati ma poi si assicura totale incertezza ai processi”.

De Pin aveva lasciato il gruppo 5 Stelle al Senato poche settimane dopo l’ingresso in Parlamento e dopo l’espulsione della collega Adele Gambaro. A ottobre 2013 aveva votato la fiducia al governo Letta ed era scoppiata in lacrime per gli attacchi degli ex colleghi. Oggi ha deciso di seguire il senatore grillino Bartolomeo Pepe che ha fatto la stessa scelta qualche settimana fa e ha ufficializzato il passaggio alla federazione. “Siamo fiduciosi che nei prossimi giorni possano esserci nuove adesioni”, ha detto in conferenza stampa il coportavoce Angelo Bonelli. “Le attuali politiche di questo governo sono drammatiche dal punto di vista ambientale. Questo governo ha messo in ginocchio il settore delle energie rinnovabili mentre altri paesi, come la Germania, su questo settore hanno progetti ambiziosi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Azzollini, dal Pd sì all’arresto. Primo voto 24 giugno, in Aula entro l’estate

next
Articolo Successivo

De Luca: “Saviano? Si inventa la camorra per non rimanere disoccupato”. Lui: “Stesse parole di Berlusconi”

next