C’è rimedio a questa corruzione sistemica che, dallo scandalo Mose a Mafia Capitale, sembra attanagliare l’Italia come e più che ai tempi di Tangentopoli? E il governo Renzi sta combinando qualcosa di concreto in favore della trasparenza? Lo abbiamo domandato ai cittadini in strada e lo domandiamo ora a voi. Tra gli intervistati il sentimento più comune è lo sconforto. “Ormai non mi indigno nemmeno più, questo Paese è in mano ai ladri”, è lo sfogo di tanti. Ma c’è chi ha fiducia nel governo Renzi: “Qualcosa nella giusta direzione è stato fatto”. Altri vedono nel M5S l’ultima speranza “perché serve un cambiamento”. I rimedi contro il malaffare? Quelli di sempre: pene più severe, processi più veloci, sospensione dai pubblici incarichi degli impresentabili ed espulsione a vita dei colpevoli. Ma il centro della questione morale per qualcuno è la cultura degli italiani: “Il popolo non è mediamente più onesto della sua classe dirigente”. E voi come la pensate? Dite la vostra nei commenti e votate la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese e montaggio Matteo Fiacchino


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini contestato: sono giuste le proteste? E quanto lo avvantaggiano? Vox e sondaggio

prev
Articolo Successivo

Migranti, vox alla stazione di Milano: “Via”, “No, via tu”. E la gente si mette a litigare

next