Dire “MI AMI” ad un cultore della musica indipendente non si presta mai ad equivoci. Quello di cui si sta parlando, infatti, è uno dei festival italiani in più rapida ascesa, sia per numeri di pubblico che di artisti coinvolti. La “Musica Importante a Milano” torna dal 5 al 7 Giugno al parco dell’Idroscalo presso il Circolo Magnolia, e si prepara ad accogliere su tre palchi un cartellone con 50 artisti, restituendo così un fedele affresco dell’attuale fermento creativo made in Italy. Organizzato dal portale Rockit.it, il MI AMI nel corso della sua storia ha raccolto oltre 200mila presenze e giunge alla sua undicesima edizione con la frase chiave “#etivengoacercare”, esplicitando un’intenzione di rinnovamento e di maggiore ricerca.

Oltre a nomi noti ad un pubblico più trasversale, come Morgan & Megahertz, Riccardo Sinigallia e gli storici componenti dei CSI, saranno presenti alcune realtà molto interessanti della scena elettronica: gli M+A innanzitutto, freschi di consacrazione in UK, le sperimentazioni di IOSONOUNCANE e le esotiche pulsazioni electro di Populous, nonché una chiusura da sabato sera anni ‘90 con il dj set di Albertino. Attese anche le voci che hanno segnato già discograficamente la prima metà del 2015: Appino (Zen Circus), Rachele Bastrenghi, Umberto Maria Giardini, Giovanni Truppi, Colapesce. Molta attenzione sarà concessa al fronte hip-hop, con un palco dedicato e una line-up che va da Mecna a E-green e Mezzosangue, fino alla crew all star di Zero Kills.

Dopo undici anni “lo spirito è sempre lo stesso dal giorno 1. Entusiasmo passione e curiosità continui, senza paura – dice a FQ Magazine, il direttore e ideatore Stefano Fiz Bottura – Quest’anno con l’edizione 10+1 cambia completamente la direzione artistica del festival, per dire”. “Rockit.it è un osservatorio privilegiato per quello che succede in musica in Italia durante tutto l’anno – aggiunge il direttore a proposito della linea artistica – La selezione viene quindi ‘facile’. È figlia in tutto e per tutto con la linea editoriale del sito, più alcune svirgolate di fantasia e salti di discontinuità che ci stanno sempre bene”. Ciò che salta all’occhio di questi 11 anni di MI AMI è l’aver creato un immaginario estetico-culturale ben riconoscibile.

“Era esattamente quello che volevamo fare fin dalla prima edizione – spiega Bottura -, e adesso che ci siamo riusciti (e che molti ci copiano/prendono ispirazione), siamo pronti a muoverci per cercare/sondare altre strade. Musicalmente questa edizione è molto complessa e anche poco ‘ortodossa’, diciamo così, rispetto all’edizione all stars dell’anno scorso (in cui mettevamo in fila e raccoglievamo tutto quello che avevamo seminato in 10 anni), anche questa è una scommessa, anche questa è un cercare/esplorare/guardare con occhi innamorati la musica”.

Se in passato Rockit.it era stata critico sull’operato della SIAE, la nuova edizione del MI AMI sancisce nuove intese con l’ente. “Abbiamo ricevuto un piccolissimo finanziamento grazie alla partnership stretta dal Comune di Milano e la SIAE – precisa Bottura – È un riconoscimento del lavoro enorme che abbiamo svolto per la musica italiana fino a qui”. All’interno della tre giorni sarà ospitata anche la rassegna MI FAI, dedicata all’arte del fumetto e dell’illustrazione. Quest’anno la selezione andrà da artisti emergenti come Elisa Macellari a fumettisti più affermati come Tuono Pettinato. Il biglietto d’ingresso è di 15 euro per una singola serata oppure si può sottoscrivere un abbonamento al costo di 40 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Wind Music Awards 2015, tutti vincitori all’Arena di Verona. Il playback di Tiziano Ferro fa discutere i social

prev
Articolo Successivo

Paul Weller presenta il suo Saturns Pattern: “Un lato positivo dell’invecchiare? Ti importa meno del parere degli altri”

next