La Procura di Salerno ha appena depositato il ricorso in Appello per chiedere la condanna di Vincenzo De Luca per peculato. Il Governatore Pd della Campania è stato assolto da questa accusa al termine del processo per la nomina del project manager del termovalorizzatore di Salerno. Processo per il quale De Luca è stato invece condannato per abuso d’ufficio, condanna che farà scattare la sospensione dalla carica in conseguenza della Legge Severino. Il ricorso è firmato dal pm Roberto Penna e vistato dal procuratore capo Corrado Lembo. In circa venti pagine scritte, la Procura contesta un paio di passaggi delle motivazioni del Tribunale depositate il 21 aprile scorso. E in particolare la circostanza secondo la quale il peculato non si configurerebbe perché il project manager Alberto Di Lorenzo avrebbe comunque svolto un lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia Capitale, l’inchiesta in Regione. Le mani della cupola sull’emergenza casa

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, ‘illegittimo l’appalto al Cara di Mineo’. Ma Alfano ignorò Cantone

next