Silvio Berlusconi nega di aver sbagliato festa elettorale e di aver partecipato a quella del centrosinistra. Secondo l’ex premier la vicenda di Segrate “è una bufala, una storiella montata come al solito”. Berlusconi si riferisce alle parole del candidato sindaco per il centrosinistra del Comune di Segrate, Paolo Micheli. Il 30 maggio 2015 Micheli ha raccontato di avere visto l’ex premier, arrivato per errore alla festa in piazza organizzata dalla sua lista: “E’ accaduto verso le 23, si è messo a parlare con alcuni giovani, ha chiesto loro quale fosse il nome del candidato e poi ha detto ‘allora domenica trovate un’ora per andare a votare Paolo”. Dopo un po’ però “si è reso conto che era la festa sbagliata, anche perché il candidato del centrodestra è una donna”.  E sul suo profilo Facebook Micheli ha scherzato: “Dopo l’endorsement del Cavaliere posso dire che è fatta”. Il leader di Forza Italia racconta la sua versione della storia: “Quella sera ho sentito un’orchestrina che suonava e sono sceso perché ero curioso. Non ho parlato con nessuno, ho soddisfatto la mia curiosità e me ne sono andato”. Il numero uno di Fi ha parlato da Bocca di Magra, dove si trovava per un pranzo con il candidato alla presidenza della Regione Liguria Giovanni Toti. 

Il Cavaliere, accompagnato da Francesca Pascale, si è anche fermato al porto per un aperitivo. Ha fatto qualche battuta con i fotografi: “Anche io facevo fotografie; ai funerali e poi le vendevo”. Quindi ha salutato alcuni cittadini presentando Toti come “il presidente della Regione Liguria” e ha aggiunto: “Non fatemi parlare di politica, c’è il silenzio elettorale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Comunali, polemiche sul candidato M5S a Eboli: ha già fatto due mandati

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2015, sospesa protesta tecnici La7. Mentana: “Se no mi sarei dimesso”

next