Il Partito popular col 27 per cento dei voti si conferma prima formazione politica in Spagna, ma il risultato alle amministrative e regionali – che mostra anche la perdita di 2,6 milioni di preferenze in meno rispetto al 2011 – per Mariano Rajoy non è soddisfacente. Il capo del governo ha però indicato che sarà il candidato premier del suo partito alle politiche di novembre.

Rajoy su Twitter ribadito che “dobbiamo continuare a lavorare, comunicare meglio e avvicinarci ancora di più ai cittadini” e ha voluto ringraziare i “sei milioni di persone che hanno creduto nel Partito Popolare. Ogni voto è una grande responsabilità”. Il capo del governo ha poi riconosciuto che sul risultato del Pp hanno influito, oltre alla crisi economica degli ultimi 4 anni, i casi di corruzione che hanno coinvolto esponenti della formazione politica. Rajoy ha escluso cambiamenti nel governo e nella direzione del partito dopo il voto.

Il governo di Madrid, nonostante il risultato deludente, rimarrà concentrato sulla strategia di recupero dell’economia e di uscita dalla crisi, ha affermato il premier, citato da Efe. A seguito delle consultazioni, Podemos ha conseguito un successo importante e con ogni probabilità governerà le principali città del paese, Barcellona, Madrid e Valencia. I popolari sono arrivati primi in 8 delle 13 regioni in cui si votava ieri, ma dovrebbero mantenere il controllo di solo due. Le altre dovrebbero essere guidate da coalizioni fra Podemos e Psoe.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Spagna, i volti del trionfo di Podemos: Colau, eroina degli sfrattati, e Carmena, giurista in lotta per i diritti umani

next
Articolo Successivo

Egitto, la condanna a morte di Morsi e gli ultras del calcio

next