Forse ha avuto paura e ha cercato di cambiare rotta all’ultimo momento, quando ormai era troppo tardi. Dopo la notizia delle prove generali dello schianto che Andreas Lubitz, il copilota dell’Airbus Germanwings che ha volontariamente fatto cadere sulle Alpi francesi l’aereo con a bordo 150 persone lo scorso 24 marzo, avrebbe condotto durante il volo d’andata, una nuova indiscrezione emerge dal rapporto Bea sul disastro. Novantatrè secondi prima dell’impatto, il copilota tentò all’improvviso di cambiare la rotta, manovra che fallì perché il pilota automatico rimase in funzione. Lo si apprende dal quotidiano tedesco Bild che pone quindi un nuovo interrogativo: “È possibile che Lubitz abbia avuto paura della morte? Voleva evitare l’impatto?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazzonia, ucciso Eusébio: i vigliacchi sparano alle spalle

next
Articolo Successivo

Terremoto Nepal, “Sempre più ragazze rischiano di diventare schiave del sesso”

next