Un radiotelescopio a Parkes, in Australia. “Misteriosi segnali” dalla provenienza sconosciuta. Ci sono voluti 17 anni di ricerche per capire la fonte di questi raggi, detti peryton, non erano di origine aliena. E alla fine di tante domande e studi e dubbi la risposta era a due passi e non nello spazio interstellare. Provenivano dal forno a microonde che si trovava nella cucina dell’osservatorio e che veniva usato da membri dello staff per preparare il pranzo.

Il segnale era stato rilevato per la prima volta nel 1998, poco distante dal radiotelescopio. Inizialmente i ricercatori hanno pensato che provenisse dall’atmosfera, l’ipotesi era che fosse in qualche modo collegato ai fulmini. Solo dopo anni di ricerche, si è scoperta la reale provenienza dei raggi. Aprendo il microonde della cucina quando ancora non aveva finito il suo ciclo di cottura, si generavano quelle interferenze che sembravano provenire da una fonte sconosciuta. Questo spiega anche un altro fatto: il radiotelescopio captava il segnale solamente di giorno. Di notte spariva, perchè nessuno usava il microonde. Inoltre le interferenze c’erano solo quando il radiotelescopio veniva puntato in direzione del fornetto.

La scoperta è stata fatta da una studentessa di astrofisica dell’Università Swinburne di Melbourne, Emily Petroff. Risale a gennaio, ma è venuta alla luce solo ora per via della pubblicazione della tesi di dottorato della ragazza, dal titolo “The source of perytons at the Parkes radio telescope”. In realtà quello che è successo in Australia non è un evento eccezionale: può accadere spesso che alcuni elettrodomestici causino interferenze con strumenti che captano segnali o onde radio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Genoma, ecco l’atlante delle interazioni geniche “per studiare malattie”

next
Articolo Successivo

Spazio, Garik Israelian: “Entro cinque anni scopriremo tanti pianeti adatti alla vita”

next