Un nuovo blitz contro presunti appartenenti all’area No Expo a Milano. La polizia è intervenuta di nuovo nel quartiere Giambellino dove in una prima serie di controlli a sorpresa (eseguiti martedì 28) erano state trovate mazze e molotov. Alcuni giovani, vicini all’area anarchica, sono stati accompagnate in questura per essere identificati e per accertamenti. In 12 sono stati denunciati per occupazione abusiva (di appartamenti di edilizia popolare): sono 9 italiani e 3 tedeschi. Questi ultimi sono gli stessi per i quali la questura di Milano aveva chiesto l’espulsione dal territorio italiano. Il giudice del tribunale civile però non aveva convalidato la misura forse per carenza di motivazioni, come sostenuto dagli avvocati difensori. Secondo la polizia, durante i nuovi controlli, i tre hanno tentato di sbarazzarsi di un borsone con maschere antigas e altro materiale.

blitz digos no expoI tedeschi nel corso dell’udienza di ieri avevano spiegato di essere arrivati in macchina in Italia nel pomeriggio di lunedì e di essersi fermati a dormire in una casa occupata su invito di un ragazzo italiano conosciuto in un centro sociale. Nessuno di loro ha fatto riferimento all’intenzione di voler partecipare alle manifestazioni contro l’Expo e un tedesco di 55 anni ha aggiunto che voleva “arrivare fino in Sicilia”.

Il nuovo blitz di polizia e carabinieri è stato eseguito in via degli Apuli e in via Odazio, in appartamenti diversi da quelli di martedì. Un’operazione che, a due giorni dall’inaugurazione dell’Expo 2015, secondo il ministro dell’Interno Angelino Alfano è “la prova che il sistema di prevenzione funziona. Nessun Paese è a rischio zero”, ma queste operazioni “fanno chiaramente capire che lo Stato è più forte di chi lo vuole contrastare”. In una prima operazione, martedì, erano state trovate mazze ferrate, bombe molotov e maschere antigas, nascosti in alcuni appartamenti occupati abusivamente. Ventisei attivisti stranieri erano stati portati in questura: 25 denunciati, uno arrestato.

foto6Gli attivisti denunciati dovranno rispondere di occupazione abusiva mentre l’arrestato è un giovane tedesco, a bordo della cui auto è stato trovato materiale proibito, anche per fare molotov. In un appartamento in via degli Apuli, sono state trovate le maschere antigas, le mazze rinforzate, i picconi e altro materiale da analizzare. In risposta a questa operazione, in serata una cinquantina di persone ha organizzato un corteo antagonista su un percorso limitato, intorno a piazza Tirana, e monitorato dalla polizia.

Oltre alle iniziative No Expo, si prevede alta tensione anche oggi per due diverse manifestazioni organizzate per ricordare Sergio Ramelli, giovane del Fronte della Gioventù assassinato in un’aggressione del 1975 da militanti di Avanguardia Operaia, e Gaetano Amoroso, operaio comunista che l’anno dopo fu assassinato da un gruppo del Fronte della Gioventù.

(ha collaborato Alessandro Bartolini)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Expo 2015, programma – Gli eventi sul cibo e tutte le “giornate internazionali”

next
Articolo Successivo

Expo 2015 a misura di bambino: dal Children Park alla Biodiversità

next