Che strano paese…il Presidente della Repubblica ha celebrato a Milano i 70 anni della Liberazione e per rientrare a Roma in poco più di dure ore ha inaugurato il nuovo Frecciarossa 1000, vanto e orgoglio di Trenitalia.

Milano

Nelle foto ufficiali, accanto a lui, per non dire sempre con lui, l’Ing. Moretti, ad di Finmeccanica che ha avuto l’onore e il piacere economico personale, vista la gratifica ricevuta nel farlo, di vendere Ansaldo Breda, che fa parte del consorzio che costruisce il suddetto Frecciarossa 1000, non che Ansaldo Sts che produce i sistemi di segnalamento che consentono al Frecciarossa di viaggiare come una…freccia, agli onorevoli signori di Hitachi, facendo uscire di fatto l’industria italiana dal settore ferroviario.

Che strano paese…

Vero che l’Ing. Moretti era il responsabile di Trenitalia quando venne deciso di mettere in linea il Frecciarossa 1000, ma ora non lo è più. Oppure sì? Il suo delfino, Ing. Elia è ufficialmente l’ad di Trenitalia, ma dalle foto della cerimonia di oggi, a leggere il cosiddetto “body language”, viene il sospetto che il vero ad sia ancora l’Ing. Moretti. Accanto al Presidente Mattarella c’è sempre lui…

Che strano paese…

Hanno fatto visitare al Presidente l'”antico” treno presidenziale, un convoglio con carrozze splendide e quando scende, dietro di lui c’è sempre l’Ing. Moretti. Visto che oggi l’Ing. Moretti guadagna il doppio di quanto prendeva in Trenitalia, forse davvero ricopre entrambi le responsabilità…

Che strano paese…

Da non credere poi che ci debba essere sempre qualcuno a malignare e a pensare ai complotti prossimo venturi.

Che strano paese?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Riccardo Nencini: tutti lobbisti tranne il suo segretario

next
Articolo Successivo

Xylella, gli ulivi dai Normanni alle eradicazioni. Cosa succederebbe dopo?

next