Il ministro dell’istruzione Stefania Giannini è stata contestata da oltre un centinaio di insegnanti precari e studenti. I manifestanti hanno interrotto il ministro che da pochi minuti stava parlando nella sala dibattiti della festa nazionale de l’Unità in corso a Bologna. La protesta è stata pacifica ma accesa. I manifestanti hanno tirato fuori cartelli, hanno inscenato un cacerolazo con pentole e mestoli. Dopo una ventina di minuti il ministro ha lasciato la festa. Assieme al ministro c’era anche la responsabile scuola del Partito democratico Francesca Puglisi di David Marceddu e Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa dell’Unità, la rivolta di cuoche e volontari: “Senza Bersani? Sale il nervoso”

next
Articolo Successivo

Libia, Renzi: “Prodi negoziatore? No dell’Onu per i suoi rapporti con Gheddafi”

next