“Godetevi due minuti di verità con spogliarello di Buonanno!!! Chiedo scusa in anticipo per la mia pancia!!!”. Così l’europarlamentare della Lega Nord, Gianluca Buonanno, descrive l’ultimo video caricato sul suo profilo ufficiale youtube. Il contenuto, a parte il finale annunciato, è un monito al premier. “Renzi è un bugiardo” – esordisce l’esponente del Carroccio – “e suo padre probabilmente si chiama Geppetto. Dopo aver sentito l’altro giorno che non avrebbe tirato via ulteriori soldi ai Comuni, mi è arrivata notizia che a Borgosesia, dove faccio il sindaco, hanno tirato via 350mila euro. L’anno scorso Letta e Renzi hanno tirato via 850mila euro”. Poi il goffo e grottesco striptease: Buonanno si cala le braghe e rimane in mutande. “Caro Renzi, vuoi che mi metta a novanta gradi? No, non lo farò. Io non te lo do questo” – conclude, indicando il posteriore – “ti devi vergognare. Parola di sindaco, parola di Gianluca Buonanno. Sei una vergogna

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italicum, Romani (Fi): “Verdiniani si atterranno a linea di partito e voteranno contro”

next
Articolo Successivo

Emma Bonino: “Renzi? Essere giovani non è un merito. Si assuma responsabilità”

next