Contro rischio corruzione, conflitti di interesse e spreco di denaro pubblico nel grande business delle grandi opere, il Movimento 5 stelle ha chiesto che l’attuale composizione della Commissione di Valutazione d’Impatto Ambientale, scaduta da oltre otto mesi e prorogata ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, venga ricostituita con criteri di trasparenza e meritocrazia. La Commissione VIA gestisce ogni anno trenta miliardi di euro all’anno dicono in conferenza stampa al Senato il senatore Andrea Cioffi e i deputati Massimo De Rosa, Federica Daga e Alberto Zolezzi, che hanno annunciato anche di aver presentato un esposto con i nomi di diverse personalità a rischio di conflitto di interessi in quanto componenti della commissione nazionale VIA chiamati a dare spesso pareri su opere progettate da loro stessi o da società di cui avevano fatto parte, ritrovandosi nella posizione di controllori e controllati. In conferenza stampa è stato fatto un elenco nutrito di componenti della commissione di cui si chiede la rimozione e non a caso il titolo della conferenza era #ViadallacommissioneVia#  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emma Bonino: “Renzi? Essere giovani non è un merito. Si assuma responsabilità”

prev
Articolo Successivo

Gianni Morandi, lo attacca pure Salvini: “I migranti portali a casa tua”

next