L’ex sede Unicredit di Piazza Cordusio andrà al gruppo cinese Fosun per 345 milioni di euro. Secondo quando riferito dall’agenzia Radiocor il comitato consultivo del fondo Omicron Plus di Idea Fimit sgr, proprietario del palazzo, ha dato parere favorevole all’offerta presentata dalla conglomerata di Shanghai. Si tratta del primo passaggio formale in vista della chiusura dell’operazione.

Nei mesi scorsi Idea Fimit aveva avviato una procedura di vendita per l’immobile, ma le offerte erano state ritenute insufficienti. Nelle ultime settimane, poi, era emerso l’interesse di Fosun, che ha presentato un’offerta ritenuta adeguata e in grado di soddisfare i piani finanziari del fondo nato a fine 2008 in seguito alla dismissione di parte del patrimonio immobiliare della banca guidata da Federico Ghizzoni. La cui sede l’anno scorso è stata spostata nel nuovo grattacielo di Porta Garibaldi. Area, per altro, passata di recente di mano da Hines sgr al fondo sovrano del Qatar. “L’offerta è superiore a quelle precedenti e soddisfa le attese”, ha spiegato una fonte a Reuters. E la chiusura dell’operazione “è attesa entro un paio di mesi”. Il 23 aprile, secondo la stesa fonte, si riunirà il consiglio di amministrazione di Idea Fimit per ratificarla.

Secondo indiscrezioni Hines Italia, in cordata con il fondo sovrano Adia, aveva messo sul piatto circa 330 milioni di euro, mentre Prelios e London & Regional avrebbero scelto di non partecipare all’ultima fase della gara. Resta da verificare come è stato risolto il nodo del contratto d’affitto di Unicredit, che nei prossimi dodici anni dovrebbe pagare un canone di circa 270 milioni. Una delle fonti si limita a dire che “il contratto di affitto è ancora in essere”.

Fosun ha in portafoglio il 35% del gruppo dell’abbigliamento Raffaele Caruso e di recente ha acquisito il Club Med.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni, Inps: il 99% di quelle erogate ai telefonici più alte dei contribuiti versati

next
Articolo Successivo

Rai Way, Mediaset ritira la comunicazione all’Antitrust. Verso rinuncia a offerta

next