Ei Towers ha ritirato la comunicazione del progetto di scalata su Rai Way che aveva trasmesso all’Antitrust il 24 febbraio scorso. Il consiglio di amministrazione della controllata di Mediaset si riunirà il prossimo 22 aprile per “le opportune deliberazioni in merito all’offerta”, si legge in una nota. Secondo fonti finanziarie a questo punto, e dopo che giovedì il cda di viale Mazzini ha reso noto di non voler aderire all’offerta nemmeno nel caso in cui il Biscione si accontentasse di diventare socio di minoranza, il Biscione intende rinunciare al progetto. L’agenzia Ansa riferisce che il ritiro del progetto di concentrazione è un passaggio per la rinuncia, da parte di Ei Towers, a presentare una nuova offerta. La società punterebbe invece ad aprire un dialogo “fuori dal mercato” con la tv pubblica.

Nei giorni scorsi la Consob e il garante della concorrenza hanno formalizzato la bocciatura dell’opas nella sua versione iniziale, quella per la maggioranza della società delle torri Rai.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Unicredit, l’ex sede di Piazza Cordusio ai cinesi di Fosun per 345 milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Zucchi, si tratta ancora con le banche creditrici: 1.000 dipendenti a rischio

next