Ei Towers ha ritirato la comunicazione del progetto di scalata su Rai Way che aveva trasmesso all’Antitrust il 24 febbraio scorso. Il consiglio di amministrazione della controllata di Mediaset si riunirà il prossimo 22 aprile per “le opportune deliberazioni in merito all’offerta”, si legge in una nota. Secondo fonti finanziarie a questo punto, e dopo che giovedì il cda di viale Mazzini ha reso noto di non voler aderire all’offerta nemmeno nel caso in cui il Biscione si accontentasse di diventare socio di minoranza, il Biscione intende rinunciare al progetto. L’agenzia Ansa riferisce che il ritiro del progetto di concentrazione è un passaggio per la rinuncia, da parte di Ei Towers, a presentare una nuova offerta. La società punterebbe invece ad aprire un dialogo “fuori dal mercato” con la tv pubblica.

Nei giorni scorsi la Consob e il garante della concorrenza hanno formalizzato la bocciatura dell’opas nella sua versione iniziale, quella per la maggioranza della società delle torri Rai.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unicredit, l’ex sede di Piazza Cordusio ai cinesi di Fosun per 345 milioni di euro

next
Articolo Successivo

Zucchi, si tratta ancora con le banche creditrici: 1.000 dipendenti a rischio

next