[English version]

Pensavo – pensavo fosse un mendicante, onestamente. Gli ho anche lasciato due monete. Pensavo fosse uno dei mille sfollati che ormai vivono accampati tra le strade del Medio Oriente e delle sue mille guerre. E invece dormiva accanto a un distributore di benzina: per essere il primo della fila, domani mattina – perché c’è benzina solo per i primi dieci, qui, i primi venti. Tutto intorno a Kirkuk, tutto in mezzo all’Iraq, hai trivelle ovunque. Ovunque guardi, letteralmente. Gli iracheni galleggiano sul petrolio. Ma poi non hanno la benzina.

kirkuk-borri

Non hanno neppure l’elettricità. E dormono così, sull’erba.

Come da noi si dorme fuori dall’Apple Store per avere il nuovo iPhone.

E poi stiamo qui a chiederci: l’Isis. Il terrorismo. Stiamo qui a chiederci perché. A scandagliare il Corano, a parlare di sunniti e di sciiti. Ed è come Gaza, un anno fa, quando ti chiedevano di spiegare Hamas. E tu avresti voluto solo dire: sono otto anni che a Gaza non hanno più neppure l’acqua. Sotto otto anni che sono sotto assedio. Sotto questo ronzio di droni, che sembra di abitare in un nido di vespe, e un F-16 che ogni tanto arriva e bombarda, arriva e muori, e quest’acqua che è acqua salata, acqua di mare, perché l’acqua potabile non c’è più da un pezzo, a Gaza, rimani appiccicaticcio tutto il giorno: tutti i giorni: per anni.

E poi stai lì a chiederti: Hamas. L’Islam.

Vivo in Iraq e mi vergogno.

Vivo in Iraq e mi vergogno, mi vergogno e basta, perché l’occupazione è finita, gli americani sono partiti, ma i padroni sfrecciano ancora a bordo dei loro fuoristrada blindati, ancora abitano nei loro hotel a sei stelle, nelle loro zone verdi, diplomatici, cooperanti, funzionari, mercenari di ogni sorta, insieme a questi iracheni che hanno recuperato dall’esilio e piazzato al governo, gente che era stata all’estero trent’anni e nessuno capiva che dicevano, quando tornarono, perché parlavano l’arabo di due generazioni fa, parlavano l’arabo di Garibaldi. O non parlavano arabo affatto. E per tutti l’emergenza è l’Isis, adesso, tra un aperitivo e l’altro, tutti a chiedersi da dove vengono questi jihadisti, e chi sono, e come è possibile tanta ferocia. Tutti a scavare nel Corano. Se solo la mattina si svegliassero in un casa di Kirkuk. In una casa vera: con quest’acqua che ti grattugia via la pelle, tanto è inquinata, i gemiti del vicino che si consuma di un cancro che non ha i mezzi per curare, se solo, come il ragazzino che vende fiori all’angolo della mia, senza un piede, avessero mai provato a spegnere la fame masticando cartone.

E invece. Tra un aperitivo e l’altro. Tutti a studiare i sunniti e gli sciiti.

Vivo in Iraq e mi vergogno.

Mi vergogno e basta, ora che mi chiedono di spiegare l’Islam, e l’Islam, l’Islam, nient’altro, ora che come Pasolini tanti anni fa, invece, io vorrei solo dire: Io so. Perché è sufficiente stare un giorno in Iraq, in Siria, per capire da dove arriva l’Isis. Ma starci davvero, starci come ci stanno i siriani e gli iracheni: per capire, per sentire, la frustrazione, l’umiliazione. Il rancore. E perché io so da dove arriva il tracollo di questo paese. Con Paul Bremer, ricordate?, il capo dell’amministrazione di occupazione, Paul Bremer che ha dissolto il Baath, e l’esercito, e a migliaia, all’improvviso, si sono ritrovati per strada. Senza nient’altro, in tasca, che un’arma. E so da dove viene questo scontro di religione, ora, con gli americani convinti che il problema fosse l’incompatibilità tra i sunniti e gli sciiti: e hanno finito per generarla, con questo sistema che come in Libano, come in Bosnia, lega ogni nomina, ogni carica, ogni appalto al gruppo di appartenenza, e non si guarda più alla competenza, al consenso, ora, il capo dello stato deve essere curdo, il primo ministro sciita, il presidente del parlamento sunnita – è l’unica cosa che conta. L’Isis ha molto più di Saddam, di Assad, degli americani, ha molto più di noi che del Corano. E perché io so che la barbarie è ovunque, nei prigionieri bruciati, nei prigionieri decapitati come nelle torture di Abu Ghraib, come in anni di marines di pattuglia che sparavano, colpivano a caso: come nel milione di morti causati dalle sanzioni dell’Onu – un milione: un milione di morti. E’ sufficiente stare qui un giorno, un’ora. E perché poi tutto è iniziato da una menzogna, ricordate?, quella delle armi di distruzione di massa. E per noi ormai è normale, ormai è storia, lo raccontiamo così, Blair, Bush, come se niente fosse, un paese che va alla guerra con un presidente che neppure si legge i documenti dell’intelligence, e un congresso che lo autorizza con un dibattito a cui partecipa il 10 percento dei deputati: un dibattito seguito da un solo giornalista: ma io so. Io so che così abbiamo invaso e devastato l’Iraq, distrattamente, io so che così lo abbiamo lasciato preda dei saccheggi, di mercenari, affaristi, avventurieri di ogni sorta, e tutti nella ricostruzione hanno avuto la loro parte, come nella ricostruzione di Haiti, nella ricostruzione del Kosovo, con il 96 percento dei fondi statunitensi speso senza rendicontazione – e mentre tutto andava in fiamme, in pezzi, ricordate? cosa abbiamo difeso? un ministero solo: io so: il ministero del petrolio.

Credete che qualcuno, qui, abbia dimenticato?

E però ogni volta riconduciamo tutto a queste cause vaghe: l’arretratezza, la cultura locale, l’odio ancestrale: i sunniti e gli sciiti – e come le tempeste di sabbia, che ora non sono più di sabbia, qui, ma di polvere. E tutti ti dicono: il deserto. Il cambiamento climatico. E invece è stato l’abbattimento delle barriere doganali voluto dagli Stati Uniti: è stata l’agricoltura che non era più competitiva, davanti ai prodotti di importazione, è stato l’abbandono in massa dei campi.

Siamo stati noi.

E poi stiamo qui a chiederci: l’Isis.

Pensavo fosse un mendicante.

Pensavo fosse questione di dargli due monete. Un lavoro, una zuppa calda.

E’ questione di dargli indietro il suo paese.

E mi vergogno, mi vergogno perché io so. Noi sappiamo. Tutti, sappiamo tutti.

(Foto: Hawre Khalid. Kirkuk)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, ceo si taglia lo stipendio del 93% e alza a 70mila dollari quello dei dipendenti

next
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2016, Hillary Clinton si veste da donna “normale”. All’ombra di Bill

next