C’è un’invasione in corso su Facebook, di finte ma divertenti pagine Wikipedia. Ho provato Wiki Parody ed ecco come ho ottenuto anche io la mia buffa pagina personale.

Da esperti guru del sesso a improbabili professionisti dello ‘spennamento’ dei polli e così via. Queste pagine stanno regalando qualche momento di ilarità e di svago nella vita da ufficio e stanno animando le bacheche di mezzo mondo.

Come fare per creare la propria pagina? È molto semplice: ci si collega al sito ufficiale ParodyWiki oppure si può aprire un’immagine creata da un amico e cliccare su “Click Here To Check Your Parody Wikipedia Page”.

Si aprirà un’applicazione di Facebook che chiederà il permesso di andare a pescare informazioni condivise pubblicamente sul proprio profilo di Facebook (non pubblicherà in automatico).

Dopo qualche secondo ecco la propria pagina Wikipedia pronta per essere condivisa e sottoposta all’ilarità della rete delle amicizie.

La grafica è proprio quella classica della più famosa enciclopedia partecipativa del web, ma i link sotto e a destra la nostra pagina non sono cliccabili. Ci sarà solo il nome con cognome puntato. E la nostra foto di profilo pescata da Facebook.

Davvero un buon lavoro, semplice, efficace e coinvolgente, peccato che spesso risulta ripetitivo.
Nella foto quello che Wikipedia Parody racconta su di me: Dopo 24 anni mi sono licenziato, produco tofu fritto e vado in giro per il mondo come un miliardario eccentrico qualsiasi.

Fateci sapere nei commenti cosa Wikiparody ha inventato per voi!

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Battlefield Hardline, taser e distintivi al posto di bazooka e caccia militari

next
Articolo Successivo

Internet, report Verizon: “Cresce cyber-spionaggio. Tecnica più usata il phishing”

next