Nel bilancio 2014 di Mps spunta di nuovo Nomura. Venerdì sera Mps ha confermato di avere un’esposizione che va ben oltre i limiti regolamentari verso la banca giapponese controparte nei derivati che hanno affossato i conti dello stesso istituto senese. In dettaglio a chiusura d’esercizio aveva un’esposizione verso Nomura in relazione al patrimonio di vigilanza “al 34,68% a livello consolidato e al 35,55% a livello individuale”. Numeri che superano di misura il “limite regolamentare” del 25 per cento. Lo sforamento, fa sapere Siena, “è stato determinato dalla riduzione del patrimonio di vigilanza e dall’incremento del valore dell’esposizione “dovuto all’andamento dei parametri di mercato sottostanti”. Fatto sta che si tratta dell’ennesimo problema non da poco per l’istituto che ha avviato un esame per valutare “ogni possibile iniziativa utile a ricondurre il valore della posizione entro i limiti previsti dalla normativa prudenziale”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, Standard&Poor’s: “Il default del debito è virtualmente certo”

next
Articolo Successivo

Banco Popolare, nel 2014 rosso di 2 miliardi. L’ad: “Sogno fusione con Bpm”

next