Quando la realtà supera l’immaginazione: satelliti, droni, laser e palloni in alta quota, tutto sopra le nostre teste. Una flotta di oltre 200.000 unità nello spazio fino a 750 miglia, ognuno in orbita continua per cinque anni a cominciare (forse) già dal 2018. Per garantire una connessione internet permanente, una copertura di rete ineludibile e ubiquitaria. Non è la trama dell’ultimo Guerre Stellari né visionaria fantascienza, ma l’obiettivo del piano di sviluppo a copertura globale di wi-fi ad alta velocità proveniente dallo spazio a cui stanno lavorando cinque multinazionali, tra cui i colossi del web Google e Facebook.

Senza informare la popolazione sui temibili rischi: ambiente e salute pubblica sempre più nel collasso elettromagnetico?

La denuncia arriva da Guards, l’Unione Globale per bloccare lo Sviluppo di Radiazioni dallo Spazio (Global Union Against Radiation Deployment from Space), un nuovo coordinamento internazionale di sigle e associazioni per “bloccare i piani di sviluppo del Wi-Fi globale, che costituirebbero una sperimentazione non consensuale sugli esseri umani e, dunque, una violazione dei diritti umani secondo il Codice di Norimberga”.

L’incubo planetario, principalmente, si prefigurerebbe per ozono e vita sulla terra, uomo compreso. Secondo Guards, il wi-fi dal cielo contribuirebbe a cambiamenti climatici, mettendo in pericolo lo stato di ozono per via del gas di scarico delle migliaia di razzi contenenti cloro, sparati in aria. Per non parlare poi delle radiazioni a microonde che colpirebbero (mettendoli Ko) foreste, rane, pipistrelli, api e Dna umano (danni già scientificamente provati da ricercatori indipendenti!).

Proprio sul wi-fi, lo scorso anno il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti ha dichiarato che “gli standard di sicurezza per le radiazioni elettromagnetiche della Federal Communications Commission (Fcc) continuano a basarsi solo sugli effetti termici, che rappresentano un criterio ormai vecchio di quasi 30 anni e oggi inapplicabile“.

Coi ripetitori di internet nello spazio, gettato alle ortiche il Principio di Precauzione, finiremo tutti dentro un grosso forno a microonde mondiale per la ‘comodità’ del wi-fi globale? Come trovare vie di scampo? Come ci difenderemo? Ci vorranno armature schermanti al piombo per proteggerci dalla radiofrequenze spaziali, in una sorta di Medioevo da Terzo Millennio? Trovando riparo nelle grotte o dentro le caverne come nella Preistoria?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salento, la Xylella non fa seccare gli ulivi ma distrugge l’immagine della nostra meravigliosa terra

prev
Articolo Successivo

Coop, un supermercato nel centro storico di Torino: è il caso?

next