Quando il segretario Enrico Zanetti ha detto che altri ex 5 Stelle sarebbero entrati in Scelta Civica, qualcuno si è messo a ridere. E invece non è passata nemmeno una settimana e dopo l’annuncio di Paola Pinna ecco la nuova adesione: Ivan Catalano aderirà al partito degli ex montiani. Il deputato lombardo di Busto Arsizio è al terzo cambio di casacca in poco più di due anni: prima dal M5S al gruppo misto poi dal gruppo misto al Partito liberale italiano e ora il grande passo. “Entrerò nel gruppo, ma non aderirò al partito”, si è affrettato a specificare il parlamentare.

Per andarsene dal Movimento 5 Stelle aveva scelto il periodo delle nove fuoriuscite in Senato tra dimissioni ed espulsioni a febbraio 2014. Tutti lo contestavano per le sue spese, lui decise l’addio con Alessio Tacconi (un altro da sempre criticato per i rendiconti salati) e accusò la poca democrazia del gruppo. Ma non è stata la sua unica azione a far discutere i grillini. Poco dopo la rottura con i 5 Stelle infatti, è successa la cosa più paradossale. Il consigliere comunale  di Busto Arsizio Giampaolo Sablich (marito della senatrice dimissionaria Laura Bignami) ha salutato il Movimento a febbraio 2014 in polemica, lasciando il posto al primo dei non eletti: proprio Ivan Catalano. E lui? Invece di rifiutare, ha deciso di fare il suo ingresso trionfale in consiglio comunale e mantenere le due cariche.

Gli ex M5S continuano ad essere frammentati. Al Senato sono divisi nel gruppo Misto tra Italia lavori in corso, Movimento X ed ex coordinamento M5S. La nuova formazione a unire alcuni deputati e senatori è invece Alternativa libera. I portavoce ad aver aderito ad altri partiti sono Fabiola Anitori, che ha scelto Ncd e Lorenzo Battista, ora nel Gruppo per le Autonomie insieme all’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spending review, pubblicati dopo 12 mesi i rapporti dell’ex commissario Cottarelli

next
Articolo Successivo

Sicilia, affare “Gettonopoli” nei municipi: migliaia di riunioni e milioni di spesa

next