Quando il segretario Enrico Zanetti ha detto che altri ex 5 Stelle sarebbero entrati in Scelta Civica, qualcuno si è messo a ridere. E invece non è passata nemmeno una settimana e dopo l’annuncio di Paola Pinna ecco la nuova adesione: Ivan Catalano aderirà al partito degli ex montiani. Il deputato lombardo di Busto Arsizio è al terzo cambio di casacca in poco più di due anni: prima dal M5S al gruppo misto poi dal gruppo misto al Partito liberale italiano e ora il grande passo. “Entrerò nel gruppo, ma non aderirò al partito”, si è affrettato a specificare il parlamentare.

Per andarsene dal Movimento 5 Stelle aveva scelto il periodo delle nove fuoriuscite in Senato tra dimissioni ed espulsioni a febbraio 2014. Tutti lo contestavano per le sue spese, lui decise l’addio con Alessio Tacconi (un altro da sempre criticato per i rendiconti salati) e accusò la poca democrazia del gruppo. Ma non è stata la sua unica azione a far discutere i grillini. Poco dopo la rottura con i 5 Stelle infatti, è successa la cosa più paradossale. Il consigliere comunale  di Busto Arsizio Giampaolo Sablich (marito della senatrice dimissionaria Laura Bignami) ha salutato il Movimento a febbraio 2014 in polemica, lasciando il posto al primo dei non eletti: proprio Ivan Catalano. E lui? Invece di rifiutare, ha deciso di fare il suo ingresso trionfale in consiglio comunale e mantenere le due cariche.

Gli ex M5S continuano ad essere frammentati. Al Senato sono divisi nel gruppo Misto tra Italia lavori in corso, Movimento X ed ex coordinamento M5S. La nuova formazione a unire alcuni deputati e senatori è invece Alternativa libera. I portavoce ad aver aderito ad altri partiti sono Fabiola Anitori, che ha scelto Ncd e Lorenzo Battista, ora nel Gruppo per le Autonomie insieme all’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spending review, pubblicati dopo 12 mesi i rapporti dell’ex commissario Cottarelli

prev
Articolo Successivo

Sicilia, affare “Gettonopoli” nei municipi: migliaia di riunioni e milioni di spesa

next