“Io (politico) non posso entrare”. E’ questa la singolare protesta del titolare del bar pizzeria “Da Anna” di Montignano di Senigallia, che da tre anni ha affisso un cartello sulla vetrina della sua attività nella piccola frazione senigalliese. La protesta, simbolica e sarcastica, del barista marchigiano, Mauro Mastrosanti, è cominciata circa tre anni e mezzo fa: ”Essenzialmente – dice il titolare – in seguito al pagamento della tassa sui rifiuti: una vera e propria stangata che mi arrivò 3 anni e mezzo fa. Non ho mai sfruttato tutti i metri quadrati che il locale ha a disposizione e, recandomi in comune per chiedere i dovuti chiarimenti, l’assessore al Bilancio del comune di Senigallia mi diede anche ragione. Ma la legge è legge e quindi bisognava pagare”. Un’azione simbolica che ha destato clamore solo negli ultimi giorni, facendo velocemente il giro della città e varcando i confini della rete, fino ad attirare l’attenzione dei media e delle testate giornalistiche nazionali. Un caso finito anche sul tavolo del primo cittadino di Senigallia, Maurizio Mangialardi.

Ieri la questione è stata sollevata in consiglio comunale, e il primo cittadino, senza mezzi termini, ha ritenuto opportuno segnalare il caso alla Prefettura di Ancona, “perché nessuno può impedire a nessuno l’ingresso in un locale pubblico. Durante il fascismo – avrebbe detto il sindaco – si lasciavano fuori dai negozi ebrei e zingari”. Ma Mastrosanti non si piega e chiarisce: ”Conosco bene la legge e so che, trattandosi di una attività aperta al pubblico, non posso certo permettermi il lusso di porre un veto all’ingresso dei politici nel mio locale, tant’è – sottolinea l’imprenditore – che l’ultimo ad entrare liberamente nel mio bar è stato un politico della zona che ha voluto anche esprimermi la propria solidarietà, proprio questa mattina. Punto a un dialogo risolutivo con le istituzioni. Se poi – conclude Mastrosanti – volessimo fare il punto anche sui fenomeni di criminalità nella zona, potremmo aprire un altro capitolo della vicenda: due domeniche sono stato costretto a dormire all’interno del bar perché mi avevano segnalato la presenza di loschi individui aggirarsi nei pressi del mio locale. Paghiamo le tasse e vogliamo più servizi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sciopero dei musei, il Garante: “No alla chiusura della Galleria Uffizi per Pasqua”

prev
Articolo Successivo

Rapina al supermercato di Ottaviano (Napoli): un morto. Fermati 2 carabinieri

next