Una truffa all’Inps per circa 800 mila euro è stata accertata dal Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Cosenza che ha denunciato 518 persone titolari di indennità di accompagnamento accusate di non avere comunicato all’istituto di previdenza periodi di ricovero superiori a trenta giorni tra il 2010 ed il 2014 in ospedale o in case di cura private. L’indennità di accompagnamento, infatti, decade per il periodo in cui il titolare usufruisce di periodi di ricovero di lunga degenza in strutture sanitarie con pagamento della retta medico-assistenziale a totale carico del Servizio sanitario nazionale. Al fine di evitare una doppia spesa, quindi, la normativa in vigore dispone l’obbligo di comunicare tali periodi di ricovero all’Inps che interrompe l’erogazione dell’ indennità per quel periodo per “girare”, in sostanza, la somma all’Azienda sanitaria provinciale. Nei confronti di tutti i soggetti segnalati all’Autorità giudiziaria saranno avviate le procedure per il recupero delle somme indebitamente percepite

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vanessa Marzullo: “Potremmo tornare in Siria”. Salvini: “Biglietto di sola andata”

prev
Articolo Successivo

Ashya King, guarito il bambino britannico “rapito” all’ospedale dai genitori

next