Il giorno dopo l’assoluzione definitiva di Silvio Berlusconi nel processo Ruby, la sua compagna Francesca Pascale esterna la sua felicità: “Dopo cinque anni di calunnie e fango mediatico basati su pettegolezzi e invidia sociale finalmente la verità ha vinto. Anche nei tanti momenti difficili il rispetto e la fiducia nella magistratura non mi sono mai venuti meno. Sono sempre di più onorata e orgogliosa di stargli accanto“. E ancora: “Ringrazio il Presidente – prosegue Pascale – che per amore dell’Italia ha avuto il coraggio e la forza di resistere a tutto e a tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Livorno, tra incompatibili e flop sulle partecipate la missione M5s resta a metà

prev
Articolo Successivo

Processo Ruby, Berlusconi assolto: “Ringrazio magistrati, prova di indipendenza”

next