Giornata all’insegna della satira quella dell’8 marzo nella Sala Regina, presso la Camera dei deputati, in occasione dell’evento “Montecitorio a porte aperte”, che ieri è coinciso con la Festa della Donna. Per l’occasione, Laura Boldrini ha voluto invitare l’attrice comica Gabriella Germani, nota al grande pubblico anche per la esilarante parodia del presidente della Camera. L’attrice si è esibita nello spettacolo dal titolo “Gabriella Germani e le sue donne – Le facce della politica”, show nel quale si è calata nei panni di svariati personaggi del suo repertorio, come Daniela Santanchè, Emma Bonino, Anna Finocchiaro, Giorgia Meloni e Alessandra Mussolini. Nel finale, si è registrato un intervento a sorpresa del vicepresidente della Camera, Simone Baldelli, anche lui distintosi in passato per la sua imitazione di Laura Boldrini. Stavolta, però, il parlamentare di Forza Italia si è cimentato nella rivisitazione comica di suoi colleghi: da Renato Brunetta a Fabrizio Cicchitto fino a Giulio Tremonti e a Romano Prodi   collaborazione di Gianfo Franchi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini con Casapound: ma la nuova Lega nazionalista aspira davvero a governare?

prev
Articolo Successivo

Riforme, Berlusconi: “Voteremo contro”. Ma i suoi vanno in ordine sparso

next