Citerò Zuckerberg per danni e gli chiederò 10 milioni di euro. Mi ha bloccato su facebook e ha rimosso un mio video. Mi ricorda il Califfo, forse ha origini rom”. Sono le parole dell’europarlamentare della Lega, Gianluca Buonanno, all’indomani della sua concitata ospitata televisiva a Piazzapulita (La7). Ospite de La Zanzara, su Radio24, l’esponente del Carroccio spiega che sulla sua pagina facebook ufficiale aveva caricato il filmato, nel quale aveva sostenuto che ‘i rom sono la feccia della società’. Il video è stato rimosso e lo stesso europarlamentare non può più avere accesso a facebook. “Questa multinazionale decide tutto con una violenza inaudita, la democrazia non esiste. Come si permette questo Zuckerberg di decidere cosa si può dire o cosa no? Io dico solo che non tutti i delinquenti sono rom, ma quasi tutti i delinquenti sono rom”. Sulla denuncia per istigazione all’odio razziale presentata contro di lui da Dijana Pavlovic, dichiara: “Bene, sono contento. Questa fa l’attrice, è stata trombata alle elezioni europee quando si è candidata nella lista per Tsipras e viene a fare l’ipocrita con quella paginetta? Ma non ce ne frega un tubo di queste cose, del nazismo o della Svizzera. Io me ne frego di quello che pensa lei”. E aggiunge: “Io non mi pento assolutamente della frase che ho detto sui rom feccia della società. Lo penso, lo ripenso, lo ridico e continuerò a dirlo. E la stragrande maggioranza degli italiani la pensa come me. L’europarlamentare Pd Viotti vuole le mie dimissioni? Lui si vanta di essere gay. Gli dico che mi dimetto quando vedrò che lui si fidanza con una donna che non sia Luxuriadi Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scanzi vs Lussana: “Frase Buonanno? In un Paese normale si va in galera”. “Ha avuto un botto di applausi”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “Rottamare stanca”. Riguarda tutti i video della sedicesima puntata

next