Il nuovo video di Agape, gruppo di liceali modenesi impegnati nella lotta alle discriminazioni, questa volta parla di lotta al razzismo. Dopo aver affrontato temi come autismo (con “Autismo: diverso dal diverso”), omofobia (“Rock the system”), ragazze sovrappeso (“We don’t care”), il nuovo prodotto dei giovanissimi studenti pubblicato su su YouTube ha come titolo “No al razzismo”. Testimonial, fra gli altri, due volti noti al grande pubblico, anche televisivo: gli chef Massimo Bottura e Antonino Cannavacciuolo.

“No al razzismo” ha un messaggio chiaro e diretto, ribadito non solo dalle voci dei due cuochi stellati, ma anche da youtuber idoli dei giovani, come il modenese Gaboodsquare, Daniele doesn’t matter, i Matt & Bise, i Pantellas e il comico Il Panico. E poi dai giovani Davide, Jordi, Orlando e Gian Marco. Tre parole semplici e immediate ma al tempo stesso significative e senza rischio di equivoci.

Il video ha già ottenuto, in pochi giorni, oltre 3500 visualizzazioni su YouTube ed è oggi un traino per i video pubblicati precedentemente contro l’omofobia. Il prossimo video di Agape uscirà l’8 marzo, incentrato sul tema della violenza sulle donne.

«Volevamo che il nostro messaggio venisse comunicato a più persone – ha spiegato alla Gazzetta di Modena Orlando Mollica, componente dell’associazione e ideatore del video – per questo abbiamo scelto diversi volti conosciuti». Il contributo dello chef Cannavacciuolo nel breve video che sta facendo il giro del web è: «Essere razzista significa essere ignorante, significa pensare che diverso sia peggiore». E il collega stellato Massimo Bottura cita Marco Polo: «Sapore di spezie, strade di seta, popoli del mondo, così Marco Polo diceva no al razzismo». Mentre Antonio Dikele Distefano, giovane autore del testo interpretato dai diversi personaggi protagonisti, nel suo intervento spiega: «Chi non trova ricchezza nella diversità di notte sogna cieli bianchi e non pensa mai alle stelle».

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pranzi e cene in famiglia, la nuova frontiera del turismo “foodie” in Sicilia

prev
Articolo Successivo

Le figurine Panini: continuano le Olimpiadi

next