Sopravvivere ad Auschwitz ma non alla propria identità. È quanto Nelly deve affrontare, tornando a Berlino nel giugno 1945, ferita, sfigurata ma con un nuovo volto grazie alla chirurgia plastica. Si mette alla ricerca del marito Johnny scoprendo una verità che non si aspetta.

Al suo settimo lungometraggio, il tedesco Petzold ritrova la coppia Nina Hoss e Ronald Zehrfeld già protagonisti del riuscito La scelta di Barbara (2012). Ma dalla guerra fredda di quel film retrocede alle ceneri dell’immediato post Olocausto, mettendo a segno un’opera intensa e d’impressionante marca autoriale.

Scritto con il compianto Harun Farocki e ispirato al romanzo Le re-tour des cendres di Monteilhet, Il segreto del suo volto modella il genere noir attorno al Kammerspiel per affrontare l’evidente questione del “Lager post-trauma”.

Costruito su forti contrasti di luci e ombre e su interpretazioni esemplari (specie Nina Hoss), lavora mirabilmente sugli scottanti temi dell’identità, del corpo “manipolato”, del rifiuto della memoria che porta alla negazione di un passato paradossalmente indelebile.

Il trailer de Il segreto del suo volto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fife 2015: come un Festival del Cinema può battersi per la salute

prev
Articolo Successivo

César 2015, Timbuktu di Sissako trionfa: sette premi contro la violenza della jihad

next