Un altro protagonista delle inchieste sugli applti Expo si appresta a uscire di scena con un patteggiamento. L’ex manager della società Antonio Acerbo, arrestato lo scorso ottobre per corruzione e turbativa d’asta in relazione all’appalto ‘Vie d’acqua sud’, ha raggiunto un accordo con la Procura di Milano per patteggiare una pena di tre anni con l’offerta di un risarcimento da 100mila euro. I pm Claudio Gittardi e Antonio D’Alessio, titolari dell’inchiesta, hanno dato il via libera. Altre due persone arrestate con Acerbo hanno chiesto di patteggiare pene fino a due anni e sei mesi con offerte di risarcimento. Si tratta di  Giandomenico Maltauro, consulente della Maltauro SpA, e Andrea Castellotti, dirigente della Tagliabue Spa. Sulle istanze di patteggiamento dovrà esprimersi il gup Ambrogio Moccia.

Secondo l’accusa, il manager di Expo Acerbo, difeso dall’avvocato Federico Cecconi, avrebbe fatto vincere nel luglio 2013 la gara per l’appalto sulle Vie d’acqua del valore di 42,5 milioni di euro a un’associazione temporanea di imprese, capeggiata dalla Maltauro e in cui figurava anche la Tagliabue. In cambio il figlio di Acerbo, Livio, avrebbe ottenuto nel 2012 un contratto fittizio di consulenza da 36 mila euro dalla Maltauro e la promessa di altri 150 mila euro, dopo una iniziale richiesta di 300 mila euro, attraverso un altro contratto ‘schermo’.

Dalle indagini della Guardia di Finanza è emerso anche che sette mesi prima della gara, ossia nell’agosto 2012, Acerbo avrebbe passato a Maltauro e Castellotti una chiavetta usb con dentro “Gli atti progettuali definitivi e riservati” sull’appalto. Il figlio Livio è accusato di riciclaggio e concorso in corruzione in un filone dell’inchiesta ancora aperto, nel quale sono indagati anche un manager della Tagliabue e un architetto. Quanto agli altri due indagati, Giandomenico Maltauro ha raggiunto un accordo con la Procura per patteggiare due anni e sei mesi con un risarcimento da 50 mila euro, mentre Andrea Castellotti ha chiesto di patteggiare due anni con pena sospesa e 30 mila euro di risarcimento.

La società Expo 2015 Spa è parte offesa nel procedimento. Lo scorso novembre, nel primo filone delle indagini, quello sulla presunta “cupola degli appalti”, hanno patteggiato tra gli altri l’ex parlamentare Dc, Gianstefano Frigerio, l’ex funzionario Pci, Primo Greganti, e l’ex senatore Pdl, Luigi Grillo. Aveva patteggiato anche l’ex manager di Expo, Angelo Paris.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Commissione Grandi Rischi, contraddizioni e illogicità nelle motivazioni della sentenza d’appello – II

prev
Articolo Successivo

Ruby ter, “Minetti 15mila euro da B”. Polanco chiede di parlare con Boccassini

next